Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra un 53enne di Castelfranco Veneto, stanco dei rumori

LANCIA PALLINI CONTRO IL LOCALE: PATTEGGIA TRE MESI

L'uomo avrebbe deciso di farsi giustizia da solo con una fionda


CASTELFRANCO VENETO - Schiamazzi fino a notte fonda e rumori continui da rendere la vita quasi impossibile. Sarebbe stato questo il movente, secondo quanto ipotizzato dalla Procura di Treviso, che avrebbe spinto un 53enne originario di Mirano, ma residente a Castelfranco Veneto, a farsi giustizia da solo prendendo una fionda e lanciando dei pallini di ferro contro i titolari del “Sunrise Lounge Cafè”, gli avventori e le auto in sosta. Una condotta che è costata all'uomo un processo per i reati di danneggiamento ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni. Difeso dall'avvocato Roberto Quintavalle, il 53enne se l'è cavata con una patteggiamento a tre mesi di reclusione e a 150 euro di multa, ottenendo la sospensione condizionale della pena. I titolari del locale però, costituitisi parte civile con l'avvocato Simone Gugliemin, sono determinati ad avanzare una richiesta risarcitoria nelle sedi opportune, intraprendendo un'azione civile nei confronti dell'uomo. I fatti contestati si sarebbero verificati in tre diverse occasioni a breve distanza l'una dall'altra: la prima il 21 agosto 2014, la seconda il 22 agosto e la terza il 28 agosto. Nel giro di appena una settimana il 53enne si sarebbe reso protagonista, stando a quanto riportato nel capo d'imputazione, di questi tre raid contro i gestori del locale e dei clienti, comprese le loro auto parcheggiate a pochi passi dall'abitazione dell'imputato. Utilizzando dei pallini in ferro, l'uomo avrebbe preso una fionda e mirato sia alle vetture che alla vetrata del locale, danneggiando la porta scorrevole esterna del bar. Una condotta che nelle prime due occasioni sarebbe stata relegata come un'azione a opera di qualche balordo. La terza pioggia di pallini avrebbe però incastrato il 53enne, dopo che i gestori del locale avevano denunciato quanto subìto nelle precedenti due serate. Le indagini degli inquirenti avevano infatti scoperto che a lanciare quei pallini di ferro non sarebbero stati dei balordi ma il 53enne, stanco di dover convivere ogni sera con gli schiamazzi degli avventori. Finito a processo, ha scelto di patteggiare la pena chiudendo i conti con la giustizia.