Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, saranno sentiti gli altri residenti del condominio

LA MORTE DI ANAS SOUIAD? UN TRAGICO INCIDENTE

Pochi dubbi degli inquirenti, venerdì sarà effettuata l'autopsia


TREVISO - Dai primi accertamenti svolti dalla squadra mobile di Treviso non vi sarebbero più dubbi: la morte di Anas Souiad, il giovane marocchino di 22 anni, precipitato nella tromba delle scale di un condominio di viale Trento e Trieste a Treviso la notte tra lunedì e martedì, sarebbe da ricondurre ad un incidente, una drammatica fatalità. Il pubblico ministero incaricato di coordinare le indagini, Maria Giovanna De Dona', conferirà domani l'incarico per svolgere l'autopsia sul corpo dello straniero. Ad effettuare l'esame autoptico che dovrebbe tenersi venerdì prossimo sarà l'anatomopatologo Alberto Furlanetto che dovrà chiarire le cause, l'ora della morte, le modalità e l'eventuale presenza di altri segni o lesioni non riconducibili alla caduta. Si attendono inoltre anche gli esiti dei test tossicologici. Anas Souiad, secondo quanto è stato finora ricostruito dagli investigatori, stava tentando verso le 2.45 di notte di raggiungere un giaciglio di fortuna che si trova sul sottotetto del condominio, al settimo piano. Trovando la porta chiusa a chiave il 22enne avrebbe tentato di arrampicarsi verso una balaustra, perdendo però l'equilibrio. Poi il volo nel vuoto, giù nella tromba delle scale, fino all'androne: nella caduta è finito anche contro un parapetto del quarto piano, abbattendolo. La morte è sopraggiunta sul colpo; inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei paramedici del Suem118. Ieri la squadra mobile ha interrogato un residente della palazzina che in passato aveva messo a disposizione del magrebino, fratello della sua attuale compagna, un riparo di fortuna nel sottotetto. Il condomino ha riferito agli investigatori che da qualche tempo non aveva più avuto nessun contatto con lo straniero. La notte della tragedia era stato proprio lui, sentendo un tonfo sordo provenire dal pianterreno, a dare l'allarme al 113. La squadra mobile, per fugare ogni ulteriore dubbio, interrogherà nei prossimi giorni anche gli altri residenti della palazzina. Le telecamere di videosorveglianza della zona avrebbero inoltre escluso la presenza di altre persone nella zona nell'orario in cui si è materializzata la tragedia.