Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, saranno sentiti gli altri residenti del condominio

LA MORTE DI ANAS SOUIAD? UN TRAGICO INCIDENTE

Pochi dubbi degli inquirenti, venerdì sarà effettuata l'autopsia


TREVISO - Dai primi accertamenti svolti dalla squadra mobile di Treviso non vi sarebbero più dubbi: la morte di Anas Souiad, il giovane marocchino di 22 anni, precipitato nella tromba delle scale di un condominio di viale Trento e Trieste a Treviso la notte tra lunedì e martedì, sarebbe da ricondurre ad un incidente, una drammatica fatalità. Il pubblico ministero incaricato di coordinare le indagini, Maria Giovanna De Dona', conferirà domani l'incarico per svolgere l'autopsia sul corpo dello straniero. Ad effettuare l'esame autoptico che dovrebbe tenersi venerdì prossimo sarà l'anatomopatologo Alberto Furlanetto che dovrà chiarire le cause, l'ora della morte, le modalità e l'eventuale presenza di altri segni o lesioni non riconducibili alla caduta. Si attendono inoltre anche gli esiti dei test tossicologici. Anas Souiad, secondo quanto è stato finora ricostruito dagli investigatori, stava tentando verso le 2.45 di notte di raggiungere un giaciglio di fortuna che si trova sul sottotetto del condominio, al settimo piano. Trovando la porta chiusa a chiave il 22enne avrebbe tentato di arrampicarsi verso una balaustra, perdendo però l'equilibrio. Poi il volo nel vuoto, giù nella tromba delle scale, fino all'androne: nella caduta è finito anche contro un parapetto del quarto piano, abbattendolo. La morte è sopraggiunta sul colpo; inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei paramedici del Suem118. Ieri la squadra mobile ha interrogato un residente della palazzina che in passato aveva messo a disposizione del magrebino, fratello della sua attuale compagna, un riparo di fortuna nel sottotetto. Il condomino ha riferito agli investigatori che da qualche tempo non aveva più avuto nessun contatto con lo straniero. La notte della tragedia era stato proprio lui, sentendo un tonfo sordo provenire dal pianterreno, a dare l'allarme al 113. La squadra mobile, per fugare ogni ulteriore dubbio, interrogherà nei prossimi giorni anche gli altri residenti della palazzina. Le telecamere di videosorveglianza della zona avrebbero inoltre escluso la presenza di altre persone nella zona nell'orario in cui si è materializzata la tragedia.