Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Continua la battaglia tra gli eredi di Sisto De Martin e Teresa Raposon

EREDITĄ CONTESA: DISPOSTO IL DISSEQUESTRO DELLA VILLETTA

Nel dicembre scorso, l'uomo uccise la moglie e il figlio di 22 anni


REFRONTOLO - La battaglia per l'eredità di Sisto De Martin e della moglie Teresa Raposon si è arricchita di un nuovo capitolo. L'avvocato Alessandra Nava, che rappresenta gli eredi della donna, ha ottenuto il dissequestro penale della villetta in cui si è consumata la tragedia di Refrontolo e, nel corso dell'udienza che si terrà la settimana prossima di fronte al collegio civile, presenterà la richiesta di sequestro preventivo di tutti i beni della famiglia per evitare che possano esserne distratti alcuni, in attesa che la vicenda venga definita in tribunale. Nel frattempo il curatore e la polizia giudiziaria di Vittorio Veneto avranno il compito di fare un inventario di tutti i beni contenuti in quella casa. Sul piatto infatti pare ci siano diversi milioni di euro di patrimonio che rivendicano gli eredi di entrambi i coniugi, e che al momento sono destinati ai parenti di Sisto De Martin, il 62enne che nel dicembre dello scorso anno in un raptus di follia aveva ucciso a coltellate la moglie Teresa, 56enne di origini filippine, e il figlio Cristian di 22 anni, prima di suicidarsi impiccandosi alle travi della mansarda di casa. Allo stato due dei cugini di Sisto, i parenti più prossimi, sarebbero gli eredi naturali di tutta la fortuna dei De Martin. Dall'altra parte però ci sono i parenti di Teresa, la madre Felixalberta oltre ai fratelli e alle sorelle, in tutto nove persone che reclamano i danni morali e biologici per la tremenda sorte toccata alla loro famiglia. E se condanne penali non se ne possono più avere, pretendono almeno un adeguato risarcimento. Da mesi infatti si battono per vedere rispettati i loro diritti. E nel mirino hanno messo l'eredità dei De Martin, una piccola fortuna fatta di conti correnti, terreni, vigne e case. Gli eredi naturali sono i fratelli Casagrande, i cugini di Sisto. Tolte le quote di Teresa, e destinate alla sua famiglia naturale, tutto il resto spetterebbe a loro. Il nodo da sciogliere, e che ha portato tutti in tribunale, è però rappresentato da quello che Sisto e sua moglie hanno acquistato durante il matrimonio e che teoricamente andrebbe diviso in parti uguali: metà ai diretti eredi del ramo De Martin e metà a quelli della moglie. Ma in realtà le cose non stanno così e i nove parenti della donna uccisa sono pronti a dare battaglia agli eredi naturali di Sisto.