Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La 30enne istruttrice del Cai non dava notizie da mercoledì

TROVATA MORTA LA GIOVANE DI BIANCADE SCOMPARSA

Il corpo di Sara Camolese individuato in un canalone a Erto


ERTO - E' stata trovata senza vita Sara Camolese, la 30enne di Biancade Roncade, dispersa sulle montagne della Val Cellina da mercoledì scorso. Dopo giorni di ricerche, il suo corpo è stato individuato poco prima delle 9, in un canale tra il Monte Sterpezza e il Monte Salta, a circa 1.930 metri di altitudine, poco distante dalla località Libri di San Daniele, un'area così chiamata per le caratteristiche stratificazioni roccioese, al di sopra degli abitati di Erto e Casso, al confine tra le province di Pordenone e Belluno: proprio sulle rocce potrebbe essere scivolata la giovane, infermiera, aspirante istruttrice del Cai di Oderzo.


LA SCOMPARSA. Sara Camolese, esperta di montagna (faceva parte della scuola di alpinismo Piave Livenza delle sezioni del Cai di Oderzo, Motta di Livenza e Ponte di Piave - Salgareda) era partita mercoledì mattina per un'escursione dalla casa posseduta dalla sua famiglia ad Erto: attorno alle 11, un residente l'aveva vista nel centro del paese, con abbigliamento da montagna, zaino e racchette. Dopodichè non si sono più avute sue notizie: verso sera, non vedendola rientrare e non riuscendo a mettersi in contatto con lei, i genitori hanno dato l'allarme. Oltre una cinquantina le persone impegnate nelle ricerche per due giorni, tra Soccorso Alpino, Protezione civile, carabinieri e vigili del fuoco. Sul posto sono arrivati  pure i genitori della ragazza e il fidanzato, a sua volta istrutture del Cai. Utilizzati anche l'elicottero della Protezione civile friulana e alcune unità cinofile. A complicare le operazioni, il fatto che la 30enne non avesse lasciato detto quale itinerario intendeva percorrere e che il suo cellulare risultasse irraggiungibile. Nella zona, del resto, è attivo un unico ripetitore: impossibile dunque anche cercare di individuare la dispersa tramite le celle telefoniche. I soccorritori si sono concentrati nell'area della Val Zemola e del Monte Borà, luoghi abitualmente frequentati dalla giovane. Le ricerche, sospese ieri sera per il sopraggiungere dell'oscurità, sono riprese stamani, fino al tragico ritrovamento.

IL RITROVAMENTO. Il corpo senza vita di Sara è stato recuperato e accompagnato nella cella mortuaria di Erto. Ritrovato questa mattina in un canale tra il Monte Sterpezza e il Monte Salta, a circa 1.930 metri di altitudine. Poco prima delle 9, dall'elicottero della Protezione civile della Regione Friuli, che stava effettuando la prima rotazione per portare una squadra in quota, due soccorritori hanno visto il corpo, in un canalone vicino al Monte Piave. Sbarcati sul posto i soccorritori assieme a un medico del Soccorso alpino, non è purtroppo rimasto che constatare il decesso della ragazza, dovuto ai traumi riportati ruzzolando per un centinaio di metri. Una volta ottenuto il nulla osta per la rimozione dalla magistratura, la salma ricomposta è stata imbarellata e imbarcata dall'eliambulanza, per essere trasportata a valle e affidata al carro funebre diretto alla camera mortuaria.

LE PRIME IPOTESI. Da una prima analisi, pur non potendo sapere con certezza l'itinerario scelto da Sara, anche a seguito delle marcature dei cani in direzione di località Costa, è probabile che la giovane sia salita da Erto per percorrere ad anello l'itinerario per i Libri di San Daniele, sopra Casso. Il sentiero segnato del Cai, all'altezza del Monte Piave, svolta però dietro la cresta sul versante veneto, mentre la ragazza, forse ingannata dalla traccia di un animale, ha proseguito dritta dalla parte ertana, finché è scivolata sul ripido pendio, fermandosi cento metri sotto la linea di cresta. Oggi stavano prendendo parte alla ricerca 72 tecnici del Soccorso alpino delle Stazioni di Valcellina, Maniago, Longarone, Pordenone, Forni Avoltri, Moggio Udinese, Gemona Udine, Cave del Predil, con una squadra di forristi veneti e friulani, il Centro mobile di coordinamento del Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi e 5 unità cinofile, soccorritori del Sagf di Auronzo e Sella Nevea con altre 5 unità cinofile e i vigili del fuoco.