Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Stagista soccorsa dall'ass. capo della Polaria Mauro Maurizio

RISCHIA DI SOFFOCARE CON UNA MELA: AGENTE LA SALVA

La 18enne Irene Liziero stava facendo uno stage ad AerTre


TREVISO - Rischia di soffocare mangiando una mela ma viene salvata da un agente della Polaria. Protagonista della storia a lieto fine, avvenuta lo scorso 4 novembre all'aeroporto Canova di Treviso, è Irene Liziero, studentessa 18enne di Paese che frequenta l'istituto per il turismo Mazzotti. La giovane, che ha appena terminato uno stage per AerTre presso lo scalo trevigiano, era in pausa pranzo assieme a un'amica quando stava per soffocare a causa di un pezzo di mela che le si era bloccato in gola. La 18enne stava perdendo i sensi ed è stata salvata dal pronto intervento dell'assistente capo Mauro Maurizio il quale, praticando la manovra di Heimlich, è riuscito a far espellere alla ragazza il boccone. Un gesto, compiuto per la prima volta dall'agente, che ha di fatto salvato la vita alla ragazza, come sottolineato dai sanitari intervenuti. Il loro arrivo, seppur immediato, è risultato fortunatamente inutile visto che la giovane si era ripresa subito dopo. Un elogio all'operato dell'assistente capo è giunto non solo dalla famiglia della giovane, dai medici e dai colleghi, ma anche dal dirigente della Polaria di Treviso Stefania Niero.
 

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica