Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Stagista soccorsa dall'ass. capo della Polaria Mauro Maurizio

RISCHIA DI SOFFOCARE CON UNA MELA: AGENTE LA SALVA

La 18enne Irene Liziero stava facendo uno stage ad AerTre


TREVISO - Rischia di soffocare mangiando una mela ma viene salvata da un agente della Polaria. Protagonista della storia a lieto fine, avvenuta lo scorso 4 novembre all'aeroporto Canova di Treviso, è Irene Liziero, studentessa 18enne di Paese che frequenta l'istituto per il turismo Mazzotti. La giovane, che ha appena terminato uno stage per AerTre presso lo scalo trevigiano, era in pausa pranzo assieme a un'amica quando stava per soffocare a causa di un pezzo di mela che le si era bloccato in gola. La 18enne stava perdendo i sensi ed è stata salvata dal pronto intervento dell'assistente capo Mauro Maurizio il quale, praticando la manovra di Heimlich, è riuscito a far espellere alla ragazza il boccone. Un gesto, compiuto per la prima volta dall'agente, che ha di fatto salvato la vita alla ragazza, come sottolineato dai sanitari intervenuti. Il loro arrivo, seppur immediato, è risultato fortunatamente inutile visto che la giovane si era ripresa subito dopo. Un elogio all'operato dell'assistente capo è giunto non solo dalla famiglia della giovane, dai medici e dai colleghi, ma anche dal dirigente della Polaria di Treviso Stefania Niero.
 

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica