Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo per appropriazione indebita un 32enne di Chiarano

"CRESTA" SULLA VENDITA DI PANNELLI SOLARI: IN AULA

In appena tre mesi si sarebbe intascato più di 10 mila euro



CHIARANO
- Nel giro di appena tre mesi sarebbe riuscito a intascarsi più di diecimila euro facendo la “cresta” sulla vendita dei pannelli solari che proponeva ai suoi clienti per conto della ditta per cui lavorava. Una condotta che è stata smascherata dalle stesse parti offese che si sono accorte del trucchetto di cui sarebbero rimaste vittime e hanno denunciato un 32enne di Motta di Livenza, ma residente a Chiarano, spedendolo a processo per rispondere del reato di appropriazione indebita. Secondo quanto contestato dalla Procura di Treviso, le vittime del 32enne sarebbero in tutto 16. Presentandosi come agente commerciale di una ditta di Rosà che si occupa della vendita e dell'installazione di materiale tecnologico, in particolare pannelli solari e fotovoltaici, il 32enne sarebbe riuscito a convincere le persone offese a versare in contanti delle caparre o anticipi di pagamento per i prodotti che proponeva loro. In realtà, almeno questa è la versione dell'accusa, l'uomo avrebbe in pratica gonfiato i prezzi di listino dicendo alle vittime che avrebbe praticato loro uno sconto se avessero versato in contanti la caparra. Quei pagamenti altro non sarebbero stati che la “cresta” praticata dall'imputato: la fornitura e l'installazione degli impianti veniva infatti pagata con assegni o bonifici e si sarebbe trattato dell'intero importo che il cliente doveva corrispondere all'azienda. L'extra in contanti, secondo la Procura, sarebbe sempre finito nelle tasche dell'agente commerciale.