Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Esito dei controlli della Polizia alla Motorizzazione Civile

AUMENTANO I FURBETTI DELLA PATENTE: 22 CASI IN UN ANNO

Apparecchi elettronici ai test, ma anche scambio di persone



TREVISO
– I furbetti delle patenti sono in continua crescita nella Marca. Ad affermarlo è stato il dirigente della Polizia Stradale di Treviso Alessandro De Ruosi, che ha reso noti i dati delle ultime operazioni effettuate dalla Questura. Il monitoraggio presso la Motorizzazione Civile, ha evidenziato ben 22 casi in meno di un anno di tentativi di conseguimento della patente di guida utilizzando apparecchi elettronici per sapere a distanza le risposte ai quiz o mandando a sostenere l'esame altre persone. Trucchi che hanno portato, nel primo caso, a 8 denunce a piede libero di cittadini pakistani, bengalesi e indiani, i più esperti nell'utilizzo delle apparecchiature tecnologiche, e addirittura a 14 nel secondo, commesso da cittadini del Senegal, della Nigeria e del Ghana. Le accuse mosse contro questi furbetti vanno dal falso alla truffa ai danni dello Stato, passando per quello di sostituzione di persona.