Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Spiegheremo ai consumatori i rischi del finto made in Italy"

PROTESTA DEL LATTE: MUCCHE DAVANTI AI SUPERMERCATI

Gli allevatori veneti domani all'Ipercoop di Mestre


TREVISO - Prosegue la guerra del latte. E gli allevatori della Marca rimangono in prima linea: in circa 150 porteranno le loro vacche davanti all'Ipercoop Campo Grande a Mestre. Continua dunque la mobilitazione degli agricoltori, lanciata dalla Coldiretti, per protestare contro il prezzo del latte pagato ai produttori: un importo, accusano gli imprenditori, che non copre nemmeno i costi di produzione e che rischia di costringere ad uccidere le bestie, nell'impossibilità di continuare a mantenerle.
Mentre prosegue il presidio a Lodi nei pressi del centro di distribuzione della Lactalis, multinazionale francese che controlla i principali marchi italiani del settore, gli allevatori manifesteranno anche davanti alle industrie e ai supermercati: oltre che a Mestre, per il Veneto, iniziative simili si svolgeranno in alcuni dei principali punti della grande distribuzione in tutte le regioni.
“Faremo conoscere alle famiglie e ai bambini – spiega Walter Feltrin, presidente di Coldiretti Treviso in piena sintonia con Martino Cerantola, presidente di Coldiretti Veneto - da dove viene il latte e come si ottengono i formaggi senza polveri o semilavorati industriali”. L’ incontro con i consumatori al momento di fare la spesa ha anche l’obiettivo di dare utili consigli nell’acquisto di prodotti lattiero-caseari per non cadere nell’inganno del falso Made in Italy. Sotto accusa il latte, lo yogurt e i formaggi che utilizzano sottoprodotti, dalle cagliate alle caseine di provenienza estera, ma che vengono spacciati come italiani. Per questo l'organizzazione imprenditoriale torna a sollecitare l'obbligo di indicare l'origine degli ingredienti in etichetta.
E al fianco degli allevatori trevigiani e veneti si schiera anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Giuseppe Pan: “Non c’è più tempo da perdere – sottolinea l'esponente della giunta -. E’ ora che il Governo metta in atto tutti gli interventi previsti a sostegno della filiera lattiero-casearia”. Anche Pan critica duramente la concorrenza sleale del falso made in Italy e quelle che definisce le “follie europee che consentono, tanto per dirne una di grossa, di produrre formaggi senza latte”. E’ una lotta senza quartiere- aggiunge Pan – che però dobbiamo assolutamente vincere, pena il crollo di uno dei settori trainanti dell’agricoltura veneta e dei posti di lavoro”.