Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Lite in una birreria, un contendente si frattura la mascella

"SIAMO STATI AGGREDITI": SI ERANO PICCHIATI TRA LORO

Denunciati per simulazione di reato un 23enne ed un 25enne


CASTELFRANCO - Avevano raccontato ai carabinieri di essere stati aggrediti e malmenati, sabato sera, all'esterno di un bar del centro storico di Castelfranco da una banda di marocchini. Un giovane, un 23enne di Tezze sul Brenta, aveva riportato una grave frattura alla mascella ed era stato accompagnato da un amico che si trovava con lui, un 25enne di San Martino di Lupari, al pronto soccorso dell'ospedale di Castelfranco. L'indagine lampo dei carabinieri, coordinata dal comandante della stazione, Antonio Currò, ha portato a far emergere una verità ben diversa da quella raccontata dai giovani che si erano inventati tutto di sana pianta. I due amici, entrambi operai, avevano trascorso la serata in vari locali tra le province di Padova, Venezia e Treviso tra cui una birreria di Maerne dove, a causa dell'alcool, è nato un furibondo litigio al culmine del quale il 25enne ha schiaffeggiato l'amico che ha replicato con un pugno, violentissimo. Una volta rappacificati gli animi i due amici hanno pensato bene di ideare un piano per tentare di giustificare ai rispettivi genitori il grave ferimento del 23enne che è stato portato in ospedale verso le 2 di notte e qui subito sottoposto ad un intervento chirurgico per rimettere in sesto la mandibola. La prognosi per lui è stata fissata in 40 giorni. Domenica mattina, per coronare il loro piano, i due amici si sono recati presso la caserma dei carabinieri di Castelfranco per denunciare la falsa aggressione, dicendo che questa era avvenuta all'esterno di un bar di via Romanini, dietro piazza Giorgione. Gli investigatori hanno avuto i primi dubbi sul loro racconto visionando le telecamere di sorveglianza che non immortalavano nessuna rissa o scontro in zona. Il 23enne e del 25enne, messi alle strette, sono stati così costretti a raccontare la verità su quanto accaduto. Per entrambi è scattata quindi una denuncia per simulazione di reato mentre il 25enne, con alle spalle una denuncia per rissa, dovrà pure rispondere anche del reato di lesioni. Ai nostri microfoni queste le parole del comandante dei carabinieri di Castelfranco, Alessandro Albiero.

Galleria fotograficaGalleria fotografica