Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A Villorba lo volontà di replicare questo esempio di rugby inclusivo

MIXED ABILITY, VERO SPIRITO DEL RUGBY E SOLIDARIETÀ

In Ghirada la selezione italiana del Chivasso Rugby Onlus



TREVISO
- Nei campi da rugby de La Ghirada, martedì pomeriggio il Benetton ha ospitato per un allenamento congiunto la rappresentativa italiana dei Mixed Ability, la nazionale del rugby "integrato" o, meglio, "inclusivo" (come puntualizza Enrico Colzani, anima e presidente del club) formato da giocatori con disabilità e al loro fianco dei facilitatori, veri e propri interpreti di questo sport che li aiutano a esprimere al meglio il gioco del rugby.
Una realtà nata per volontà del Chivasso Rugby Onlus, che nella scorsa estate ha partecipato per la prima volta al mondiale nello Yorkshire, in Inghilterra, giungendo terzi al cospetto di Nazionali come Galles, Irlanda e Scozia che in questo progetto credono da almeno 20 anni.
Una realtà che al momento in Italia è unica, ma verso cui tende anche il Villorba che con Massimiliano Tagliavini e la complicità di Nitoglia, Pratichetti e soci, ha organizzato l'evento andato in scena con il Benetton.
Un pomeriggio avvolto dalla nebbia, ma anche da tanto e vero spirito rugbistico, fatto di emozioni, ma soprattutto da contatti veri e giocate a volte sorprendendi. "Il nostro gruppo vanta una quarantina di elementi - spiega Marilena Giuliacci, vicepresidente dell'associazione - il gruppo include ragazzi dai 14 fino Umberto Casellato ed Enrico Colzaniai 50 anni, con diverse disabilità a carattere spesso cognitivo e anche alcune forme di autismo. In mezzo a loro alcuni "old" ma anche amici, parenti o appassionati."
Belli ed entusiasti anche i commenti in casa Treviso, a cominciare dal tecnico Umberto Casellato: "queste esperienze ti regalano il senso vero della vita, ovvero l'essere considerato per quello che dai, e non conta vittoria o sconfitta."
"Io e i miei compagni - conclude Ludovico Nitoglia - porteremo queste emozioni con noi ogni volta che scenderemo in campo.
Abbiamo affrontato una squadra che portava dentro di sè lo spirito puro del rugby."