Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A Villorba lo volontà di replicare questo esempio di rugby inclusivo

MIXED ABILITY, VERO SPIRITO DEL RUGBY E SOLIDARIETÀ

In Ghirada la selezione italiana del Chivasso Rugby Onlus



TREVISO
- Nei campi da rugby de La Ghirada, martedì pomeriggio il Benetton ha ospitato per un allenamento congiunto la rappresentativa italiana dei Mixed Ability, la nazionale del rugby "integrato" o, meglio, "inclusivo" (come puntualizza Enrico Colzani, anima e presidente del club) formato da giocatori con disabilità e al loro fianco dei facilitatori, veri e propri interpreti di questo sport che li aiutano a esprimere al meglio il gioco del rugby.
Una realtà nata per volontà del Chivasso Rugby Onlus, che nella scorsa estate ha partecipato per la prima volta al mondiale nello Yorkshire, in Inghilterra, giungendo terzi al cospetto di Nazionali come Galles, Irlanda e Scozia che in questo progetto credono da almeno 20 anni.
Una realtà che al momento in Italia è unica, ma verso cui tende anche il Villorba che con Massimiliano Tagliavini e la complicità di Nitoglia, Pratichetti e soci, ha organizzato l'evento andato in scena con il Benetton.
Un pomeriggio avvolto dalla nebbia, ma anche da tanto e vero spirito rugbistico, fatto di emozioni, ma soprattutto da contatti veri e giocate a volte sorprendendi. "Il nostro gruppo vanta una quarantina di elementi - spiega Marilena Giuliacci, vicepresidente dell'associazione - il gruppo include ragazzi dai 14 fino Umberto Casellato ed Enrico Colzaniai 50 anni, con diverse disabilità a carattere spesso cognitivo e anche alcune forme di autismo. In mezzo a loro alcuni "old" ma anche amici, parenti o appassionati."
Belli ed entusiasti anche i commenti in casa Treviso, a cominciare dal tecnico Umberto Casellato: "queste esperienze ti regalano il senso vero della vita, ovvero l'essere considerato per quello che dai, e non conta vittoria o sconfitta."
"Io e i miei compagni - conclude Ludovico Nitoglia - porteremo queste emozioni con noi ogni volta che scenderemo in campo.
Abbiamo affrontato una squadra che portava dentro di sè lo spirito puro del rugby."