Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tutti si sono avvalsi della facoltą di non rispondere al gip

BANCAROTTA DAL BEN TRE: GLI INDAGATI NON PARLANO

La Procura contesta un buco di oltre 11 milioni di euro



MONASTIER
- Tutti hanno scelto la stessa linea: rimanere in silenzio di fronte al giudice e non avanzare richieste di modifica della misura cautelare degli arresti domiciliari, prendendo tempo per studiare le carte allo scopo di presentare ricorso al tribunale del Riesame per cercare di far annullare l'ordinanza, o quanto meno alleggerirla.

Di fronte al gip, per l'interrogatorio di garanzia difesi entrambi dall'avvocato Paolo Nieri, si sono presentati Pierluigi Dal Ben, l'ex titolare 74enne del megastore di abbigliamento di Monastier, e Cosima Gigantiello, 68enne di San Biagio di Callalta considerata dagli inquirenti “l'architetto contabile” del crac dell'azienda. Paolo Signifredi, imprenditore 51enne residente a Parma, sede della Neblad, è stato invece ascoltato nel carcere di Voghera, dove si trova detenuto per un'accusa di estorsione.

I tre sono accusati di bancarotta fraudolenta e documentale in relazione al crac da 11 milioni di euro della Neblad srl, ex Dal Ben Tre srl di Monastier, dichiarata fallita dal Tribunale di Treviso il 4 giugno dello scorso anno. Stando alla ricostruzione della Procura, Pierluigi Dal Ben e Cosima Gigantiello risulterebbero gli amministratori di fatto della società dichiarata fallita dal giudice Gianluigi Zulian, che ha nominato come curatore fallimentare il commercialista Massimo Roma, mentre Paolo Signifredi risulterebbe invece l'amministratore di diritto.

A inviare le carte agli inquirenti sarebbe stato proprio il curatore fallimentare, venuto a conoscenza della situazione debitoria milionaria della società nei confronti dei creditori. L'indagine, per le ipotesi di bancarotta fraudolenta e documentale, è ancora in corso e le misure restrittive, disposte dal gip su richiesta del pm, sarebbero state ritenute necessarie per evitare che gli indagati, oltre al pericolo di fuga, potessero inquinare le prove. Secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, spulciando i bilanci dell'azienda e analizzando l'inventario del magazzino il curatore fallimentare avrebbe fatto emergere una serie di irregolarità che, nei fatti, avrebbero danneggiato i creditori della società fallita.

Nella sostanza, anche se molti dettagli restano da chiarire, dall’esame dei documenti contabili sarebbe emerso che sarebbero stati utilizzati "beni" della Neblad per avviare una nuova società, che da circa due anni opera nella stessa sede della ditta fallita, vendendo la stessa tipologia di prodotto. Patrimonio che, invece, avrebbe dovuto essere messo a disposizione dei creditori della Neblad.