Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannata la 51enne di Carbonera Ornella Cesarino

PERDE I SOLDI ALLE SLOT E INSCENA UNA RAPINA: 5 MESI

Era chiamata a rispondere dell'accusa di simulazione di reato



TREVISO
- La giustizia ha presentato il conto. Ornella Cesarino, la colf 52enne di Carbonera che avrebbe simulato una rapina per nascondere ai familiari di aver perso oltre 2mila euro al videopoker, dopo essere stata citata a giudizio dal pm Francesca Torri è stata condannata, con rito abbreviato, a cinque mesi e dieci giorni di reclusione, ottenendo la sospensione condizionale della pena e la non menzione.


Difesa dall'avvocato Carmelo Caliò, la donna era chiamata a rispondere della sola simulazione di reato visto che, già in fase d'indagine, era venuta a cadere l'accusa di procurato allarme per la quale era stata inizialmente denunciata dalla Squadra Mobile di Treviso.


Stando a quanto contestato dalla Procura di Treviso, la 52enne aveva denunciato alla polizia di essere stata rapinata il 16 gennaio dello scorso anno nel cuore del centro storico dopo aver prelevato 600 euro alle Poste di piazza Vittoria da un conto corrente cointestato con l'anziana madre. Poi sarebbe stata aggredita in un vicolo oscuro da due banditi che l'avevano spinta a terra rubandole la borsetta.


Il racconto della donna però, considerato pieno di lacune e incongruenza, non convinse gli inquirenti che continuarono le indagini per capire cosa fosse in realtà accaduto. Una settimana più tardi avrebbero avuto il quadro completo: secondo la Procura la donna avrebbe sì prelevato del denaro dal Postamat e poi si sarebbe recata in una sala slot di via Roma per giocare al videopoker. Alcuni testimoni hanno raccontato che la donna avrebbe vinto 2 mila euro ma poi, anziché farsi consegnare un assegno con la vincita e andarsene, avrebbe tentato ancora la sorte perdendo tutto.


Per non riferire ai familiari quanto era accaduto realmente, avrebbe infine pensato di raggiungere un bar di via Martiri della Libertà: lì avrebbe finto uno svenimento e indotto il barista a contattare il 113 dopo aver raccontato di essere rimasta vittima di una rapina.