Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO - L'architetto Luciani e don Adelino presentano il progetto

IL NUOVO ORATORIO DI SANTA MARIA DEL ROVERE SI SVELA

Alberi, panchine, nuova pavimentazione nello spazio antistante


TREVISO - Un nuovo luogo di aggregazione, molto verde, a disposizione della comunità. Non solo, un progetto di risistemazione di tutta l'area intorno alla chiesa parrocchiale. Dopo poco più di due mesi di lavori, domani verranno tolti i pannelli protettivi del cantiere e il rinnovato oratorio di Santa Maria del Rovere potrà essere ammirato da tutti: alle 17 la cerimonia del taglio del nastro ufficiale.
Mentre gli operai stanno terminando le ultime rifiniture, l'architetto Domenico Luciano, che ha curato l'operazione insieme ad un pool di giovani professionisti, anticipa dettagli e obiettivi dell'operazione. Ancor più dell'edificio, ha cambiato volto lo spazio antistante “Dove c'era una piastra di cemento di quasi mille metri quadrati – spiega l'ex direttore della Fondazione Benetto – ora è stata creata una piazzetta-giardino, con materiali nobili e panchine, in dialogo con il rettifilo del viale e dei passeggi”. Grande attenzione al verde, con una precisa scelta e collocazione delle essenze: una siepe ed un serie carpini, che una volta cresciuti costituiranno un unico filare con le grandi querce antistanti all'edificio sacro, da cui la parrocchia e l'intero quartiere prendono il nome.
Del resto, nell'idea dei promotori, il restaro dell'orario è solo il primo passo di un più generale ripensamento della zona. Punto focale, l'eliminazione del parcheggio dal sagrato della parrocchiale (le auto verranno posizionate, attraverso un apposito corridoio, in un terreno alle spalle della canonica, per poi uscire in via Ugo Bassi) per valorizzare il vero significato dello slargo antistante alla chiesa. Ma il recupero potrebbe spingersi fino al grande spiazzo dietro all'oratorio, ricreando un prato urbano e, magari, facendo riemergere un tratto del corso d'acqua oggi interrato.
Per spiegare le motivazioni del progetto, don Adelino Bortoluzzi, parroco di Santa Maria del Rovere, parte dall'invito di papa Francesco alla Chiesa per “uscire da se stessa ”. “Il segno che abbiamo voluto piazzare in questo quartiere di Treviso è proprio questo – sottolinea il sacerdote -. Essere chiesa in uscita, dove strada, oratorio, città, piazza, case e comunità si impastano per diventare un tutt'uno, senza muri e recinti”.