Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Due classi del Canova bloccate, ferito rugbysta del Mogliano

STRAGE DI PARIGI, STATO DI ALLERTA NELLA MARCA

Vertice tra le forze dell'ordine, lunedì sindacati in piazza


TREVISO - Aeroporto "Canova", le stazioni ferroviarie ed altri punti sensibili della Marca: saranno intensificati i controlli da parte delle forze dell'ordine alla luce degli attentati terroristici di Parigi che sono costati la vita a ben 128 persone. In mattinata si è tenuto presso la Questura un vertice convocato su indicazioni diramate in tutta Italia dal Ministero degli Interni. Forte apprensione per due classi del liceo "Canova" di Treviso che si trovavano nella capitale francese e la cui partenza avverrà probabilmente domani. Nella capitale francese si trovava anche la consigliera comunale Marina Roma che in mattinata è stata contattata telefonicamente dall'assessore Cabino, così come la vicepreside del liceo trevigiano. "Tutti ci hanno riferito di una Francia surreale dove in questo momento è difficile anche capire - ha detto l'assessore - I ragazzi stanno bene e rientreranno quanto prima. Ho augurato ai ragazzi a nome mio e del sindaco un buon ritorno. Sono esperienze scioccanti".  Tra i feriti c'è anche il rugbysta del Mogliano rugby Aristide Barraud che è stato colpito da una scheggia mentre si trovava sul terrazzo a casa di un amico, a pochi passi dai luoghi in cui è avvenuta la strage: il transalpino non è in pericolo di vita ma ha riportato la perforazione di un polmone.
"Riceviamo con immenso sollievo comunicazione dal papà -scrive la società in una nota- che Aristide non è in pericolo di vita. E' stato coinvolto insieme alla sorella mentre si trovava in uno dei luoghi interessati dagli attentati. La sorella è stata ferita in modo importante ad un braccio e dovrà subire alcuni interventi, mentre Aristide è stato colpito da due proiettili, uno al piede ed uno al torace. E' stato operato d'urgenza per riparare i danni riportati dal polmone e attualmente si trova in rianimazione. Entrambi sono da considerare fuori pericolo di vita ma per conoscere le conseguenze delle ferite riportate occorrerà attendere ancora qualche giorno, nel frattempo rimarranno sotto osservazione".
Nella lista dei dispersi c'è una ragazza veneziana di 28 anni, Valeria Solesin: venerdì sera si trovava al teatro Bataclan e per ora non si conosce la sua sorte.
“A nome di tutti i veneti, Le esprimo le mie più sentite condoglianze per l'orribile strage di Parigi, che colpisce non soltanto la Francia ma anche tutta l'Europa, le sue istituzioni democratiche, la sua storia che è storia comune e condivisa di libertà di pensiero, di azione, di  religione”. Con un telegramma all’ambasciatrice di Francia Catherine Colonna il presidente della Regione Luca Zaia ha inteso esprimere la vicinanza e i sentimenti dei veneti al popolo francese e alle sue istituzioni. “Sgomenti e affranti, colpiti anche noi al cuore dalle notizie che si susseguono dalla Capitale francese – scrive Zaia - Le esprimo il senso del nostro orrore per il sangue di tanti innocenti fatto efferatamente scorrere in nome dell'inciviltà, ma anche la volontà di non cedere alla violenza vile e vigliacca e a un attacco all'Occidente che si configura come una vera e propria volontà di smantellamento dei capisaldi della civile e democratica convivenza che crediamo, ora più che mai, debbano essere  gli irrinunciabili valori fondanti dell'umanità”.
“La barbarie non passerà. Sappia – assicura il presidente del Veneto - che il popolo francese potrà sempre contare sul solidale e convinto appoggio del popolo veneto in questa battaglia contro il neo-oscurantismo di chi vuole cancellare secoli di tolleranza e di dialogo interculturale”.

"Quelli che hanno compiuto la strage di Parigi sono solo assassini, non musulmani. Siamo molto stanchi di dover ripetere ogni volta questo concetto". Lo ha detto Abdallah Khezraji, leader della comunità marocchina di Treviso, che in queste ore si trova nel suo paese d'origine. "Ieri sera seguivo le cronache televisive con vari miei connazionali, ad Agadir - ha aggiunto - e la rabbia e lo sdegno erano palpabili. I terroristi di Parigi non c'entrano né con l'Islam né con altre religioni, la nostra condanna è assoluta". Secondo Khezraji ,"è ovvio che adesso l'Occidente dovrà mettere in campo misure di tutela diverse" ed una buona scelta, fra le altre, dovrebbe essere quella di "intensificare la collaborazione con gli organi di intelligence di paesi come il Marocco e la Giordania, due laboratori di opposizione agli estremismi che andrebbero seguiti più attentamente".

Per esprimere solidarietà al popolo francese e lanciare un segnale di pace anche dalla Marca, le Organizzazioni Sindacali promuovono per lunedì 16 novembre alle ore 18:00 in piazza dei Signori a Treviso un’iniziativa aperta a tutta la cittadinanza. A fianco dei Sindacati il Comune capoluogo e le associazioni di categoria della provincia che in queste ore stanno confermando la loro adesione. L’invito è altresì esteso a tutti i rappresentanti delle Istituzioni locali, ai parlamentari e agli esponenti politici del territorio, al mondo dell’associazionismo e in generale a tutti coloro che, con un gesto simbolico, vogliano lanciare un forte messaggio di pace e di democrazia. Intanto nel pomeriggio, alle 16, si è svolta una manifestazione spontanea, sempre in piazza dei Signori, durante la quale è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime degli attentati di Parigi. Bandiere a mezz'asta in tutti i Comuni della Marca.

Ai microfoni di radio VenetoUno i commenti del comandante provinciale dei carabinieri, Ruggiero Capodivento, del governatore del Veneto, Luca Zaia, del presidente del Mogliano rugby, Lucio Marin e le testimonianze da Parigi di Sebastiano Santi, studente del liceo "Canova" e della giornalista Maura Bertanzon.