Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Anniversario celebrato insieme alla Giornata del ringraziamento

AGRICOLTURA DI MARCA, TRA ECCELLENZE E FINTO MADE IN ITALY

La Coldiretti di Treviso festeggia i suoi 70 annni


VITTORIO VENETO - Si sono ritrovati in quasi 800 per celebrare i primi 70 anni della Coldiretti di Treviso. Era il 1945, pochi mesi dopo la Liberazione, quando, con un anno di ritardo sulla nascita dell'organizzazione nazionale, anche nella Marca veniva fondata la Federazione provinciale coltivatori diretti di Treviso. Soci fondatori, dodici agricoltori e un geometra, nelle vesti di segretario.
Coldiretti di Treviso conta oggi circa 18mila associati e 8mila aziende. Ha la sede provinciale a Paese con una rete di 12 uffici di zona. Fanno capo all’associazione la Coldiretti Giovani Impresa, la Coldiretti Donne Impresa, la Federazione Provinciale Pensionati della Coldiretti. La Coldiretti è impegnata nel campo dei servizi alla persona tramite il proprio ente di patrocinio e assistenza, il primo patronato del lavoro autonomo. Il raggio delle attività di servizio della Coldiretti si estende anche alla formazione e alla ricerca, tramite l’Istituto Nazionale per la formazione professionale in agricoltura. E c’è poi CreditAgri Italia, una cooperativa di garanzia fidi e assistenza e consulenza tecnico-finanziaria in agricoltura.
Per favorire lo sviluppo delle imprese agrituristiche e fornire loro assistenza la Coldiretti ha costituito “Terranostra”. L’ultima nata è l’associazione Agrimercato che riunisce tutte le imprese agricole che praticano la vendita diretta in azienda o nei mercati di Campagna Amica. E un segnale del grande cambiamento avvenuto anche nella rappresentanza delle aziende agricole - nell’immaginario solitamente appannaggio dei maschi - è l’elezione di una donna a presidente di una sezione, avvenuta nel maggio scorso: Teresa Pamio di Castelfranco Veneto, che è anche presidente di Coldiretti Donne Impresa.
Il presidente Walter Feltrin ricorda le molte eccellenze dell'agricoltura di Marca, ma anche le battaglie che sta affrontando il settore. Su tutte, la lotta per aumentare il prezzo alla produzione del latte: gli importi odierni, imposti dalle grandi multinaizonali del settore, di fatto non ripagano nemmeno dei costi di produzione. Da tempo attarverso un momento delicato anche l'allevamento zootenico, anche in questo caso per l'"invasione" di carni prodotte dall'estero. Oltreconfine, spiega il numero uno della Coldiretti provinciale, le imprese possono contenere i costi di produzione, anche grazie a parametri igienico sanitari meno rigidi e controlli meno frequenti rispetto all'Italia. "Per questo continuiamo la nostra battaglia sull'indicazione obbligatoria d'origine dei diversi ingredienti in etichetta", conclude il presidente di Coldiretti Treviso.