Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'imprenditore di Possagno ha rinunciato al proprio incarico in cda

VENETO BANCA, VARDANEGA SI DIMETTE DA VICEPRESIDENTE

A fine ottobre l'addio del presidente Francesco Favotto


MONTEBELLUNA - Un nuovo addio scuote i vertici di Veneto Banca: Alessandro Vardanega ha dato le dimissioni da vicepresidente. Dopo neppure un mese dall'uscita del presidente Francesco Favotto, dimessosi il 29 ottobre, ufficialmente per motivi di salute, lascia anche il numero due dell'istituto montebellunese. L'imprenditore di Possagno, ex leader di Unindustria Treviso, era stato eletto ad aprile 2014 nell'ambito del rinnovamento degli amministratori della popolare trevigiana ed era stato tra i papapili per la successione a Favotto. Vardanega, all'ultimo, però aveva ritirato la propria disponibilità, adducendo anche i numerosi impegni di lavoro. La presidenza era così andata al veronese Pierluigi Bolla. Ora l'ulteriore passo indietro: Vardanega ha rimesso il proprio incarico nella riunione odierna del cda. Un gesto che, inevitabilmente, rinfocolerà le ipotesi di tensioni nell'organismo e divergenze nella conduzione della banca, che ha appena presentato un bilancio dei primi nove mesi dell'anno segnato da 770 milioni di perdita.