Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si apre l'anno dell'Istituto superiore di scienze religiose

"EUROPA UNITA NEI VALORI DELLA PACE E DEL RISPETTO DELLA PERSONA"

Il richiamo del vescovo Gardin dopo gli attentati a Parigi


TREVISO - "La risposta dei cristiani non può che essere la risposta della comprensione e della pacatezza, ma anche, senza dubbio, della riaffermazione di valori irrinunciabili come la pace, il rispetto della persona, lo sforzo fatto in tutti i modi di portare avanti relazioni costruttive". E' questa la riflessione di Gianfranco Agostino Gardin, vescovo di Treviso, dopo gli attentati di Parigi. Il presule ribadisce come questi fenomeni richiedano un'analisi ponderata e mette in guardia da reazioni "a caldo", pur nell'ovvio sgomento suscitato. "Non oso dare linee di comportamento - spiega -, ma forse bisogna che quanti credono in questi valori lavorino insieme e non si dividano. Penso all'Europa, a tutti quegli Stati e quei popoli che credono nel valore di una civiltà da costruire, nonostante tutto, non con le guerre".
La paura è più che comprensibile, ma non può essere la soluzione. "Bisogna cercare di garantire la sicurezza, ma allo stesso tempo una vita vivibile - ribadisce il vescovo Gardin -. L'intento degli attentatori è proprio rendere la vita non più vivibile. Per non cedere alla paura, la prima cosa è avere un senso di solidarietà e condivisione con tutti coloro che combattono, in senso buono, per questi valori".
Monsignor Gardin ha presenziato alla cerimonia inaugurale dell'anno accademico 2015-2016 dello Studio Teologico Interdiocesano di Treviso e Vittorio Veneto, dell’Istituto Superiore di Scienze religiose e della Scuola di Formazione teologica. La prolusione di apertura è stata affidata a Franco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e vicepresidente della Conferenza espiscopale italiana. Monsignor Brambilla ha sottolineato la necessità di integrazione degli immigrati ("Da vicino, anche il distante fa meno paura"), ma al tempo stesso ha sottolineato come ciò non possa consistere in un annacquamento di ogni identità. "Nei paesi, come la Francia, in cui la laicità è intesa come eliminare qualunque segno di identità - ha rimarcato -, chi arriva con forti elementi identitari fatica ad accettare una situazione del genere e, per reazione, si esaltano gli estremismi".