Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Ha calcato le scene di tutti i più importanti teatri del mondo

LA LIRICA E IL TEATRO PIANGONO PAOLO TREVISI

Trevigiano, persona di inestimabile valore umano e artistico


TREVISO - Il mondo del teatro e della lirica piange la scomparsa di Paolo Trevisi. Regista, attore, scenografo, scrittore, una persona di inestimabile valore artistico ed umano è morto nella notte all'età di 74 anni. Qualcuno negli anni ha preferito snobbarlo (e scusateci la schiettezza e la rabbia nell'affermarlo), ma Paolo Trevisi ha invece reso grande la nostra cultura e portato alto il nome di Treviso in tutto il mondo. I funerali si celebreranno venerdì alle 15 nella chiesa di Sant'Agnese, a Treviso.
Nato a Fiera, nel 1941, il maestro Paolo Trevisi salì per la prima volta su un palco a 5 anni per non scenderci più. Amante della Lirica, dal 1975 al 1982, al fianco di Carlo Alberto Cappelli, è stato il regista stabile del più grande Teatro Lirico del mondo, l’Arena di Verona. Nel 1983, venne nominato Direttore Artistico del Teatro Comunale di Treviso. Entrò a far parte del teatro di Lisbona, Tolosa, Madrid, volò in Giappone e nel 1989 passò alla storia del mondo della Lirica per aver portato in scena per la prima volta la Turandot in Cina, fino a quel momento ritenuta opera proibita. Nel 2012 Il Presidente della Repubblica Italiana gli conferì l’Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica. Non si contano le iniziative e i suoi interventi a favore dei più deboli e delle associazioni che sosteneva con la sua arte e il suo lavoro, organizzando gratuitamente concerti e rappresentazioni teatrali.
La commozione in questo momento è forte anche nella nostra redazione con cui Paolo ha collaborato con la rubrica Cantanti Lirici di Marca, e prestando la sua inconfondibile voce per la sigla del nostro notiziario in lingua veneta.
Le più sentite condoglianze alla famiglia di Trevisi da tutti noi. Ciao Paolo, e grazie!

Manildo: "Un protagonista della cultura trevigiana"
"Se ne è andato un protagonista della cultura trevigiana - dichiara il sindaco di Treviso Giovanni Manildo - La scomparsa di Paolo Trevisi, da tutti riconosciuto come persona di inestimabile valore artistico e umano, lascia un grande vuoto nella nostra comunità. Esprimo a nome mio e di tutta l'amministrazione comunale la vicinanza alla famiglia e alle persone a lui care".

Franchin: "Ha portato a Treviso grande vitalità"
"Ho visto e salutato Paolo Trevisi l’ultima volta il 27 luglio scorso in occasione del concerto da lui organizzato in ricordo dei cento anni dalla nascita di Mario del Monaco - dichiara Luciano Franchin, assessore ai Beni culturali del Comune di Treviso -. Era infaticabile sul palco, vivace, esuberante e divertente. La sua lunghissima attività in Italia e all’estero ha portato anche a Treviso una grande vitalità. Assente per vari anni per le nomine ricevute in prestigiosi teatri cinesi e in Portogallo, Trevisi aveva in precedenza lavorato per i principali teatri d’opera italiani. Grande conoscitore di tutto il mondo della lirica, nei suoi più intimi aspetti, dovuti alle sue frequentazioni importanti nel corso di decenni, grazie alla sua memoria di ferro conosceva perfettamente tutto il grande repertorio lirico, che amava citare nei testi e nella musica durante le sue conversazioni". "La sua grande intelligenza - continua l'assessore Franchin - traspariva sempre nell’ironia e nella leggerezza con cui trattava temi molto complessi, delicati o controversi. Non aveva abbandonato neppure la sua origine di attore di prosa, recitando teatro di Goldoni a Roma l’anno scorso. Treviso perde un testimone importante della vita culturale cittadina dal dopoguerra ad oggi. Il mondo della lirica e della cultura perde un vero protagonista ma la sua carica umana e la sua competenza saranno tenute vive dal figlio Andrea e a lui e a tutta la famiglia va il mio abbraccio", chiude Franchin.



AUDIO E vogliamo ricordarlo riproponendovi una bella intervista che Paolo ci aveva rilasciato nel maggio del 2009 e che potrete riascoltare lella versione integrale nello streaming audio.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
18/11/2015 - La carriera di Paolo Trevisi, artista mondiale
18/11/2015 - La Lirica e il teatro piangono Paolo Trevisi