Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il convegno sabato 28 novembre all'auditorium della Bcc Prealpi e Tarzo

LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALL'UROLOGIA E LE TERAPIE MINI INVASIVE

Tra i relatori il primario dell'U.O. di Urologia di Conegliano


TARZO - (Di.Bi) Sabato 28 novembre, presso l’Auditorium della Banca Prealpi CC di Tarzo, sarà ospitato un Congresso medico sul tema: “Nuove tecnologie applicate all’urologia, terapie mini invasive nel TUMORE ALLA PROSTATA”, organizzato dall’UOC Urologia dell‘ULSS7. L’evento, oramai divenuto un appuntamento annuale, prevede quest’anno, la partecipazione di molti professionisti del settore, tra più prestigiosi dell’Urologia Nazionale. “L’urologia –come tiene a sottolineare il Direttore U.O. del reparto coneglianese Valerio Salvatore, che è anche uno principali organizzatori di questo interessante seminario nazionale- si è sempre caratterizzata nel rendere proprie le innovazioni derivanti dal progresso tecnologico: il laser applicato all’endourologia, le tecniche mini invasive nel trattamento delle patologie benigne quali, l’ipertrofia prostatica o delle patologie neoplastiche sono divenute di una pratica routinaria”. –e continua- “L’accesso ad internet ha senza dubbio ampliato la quantità di informazioni a disposizione del cittadino, ma ha anche contribuito a divulgare spesso dati non filtrati dall’evidenza scientifica”. Questo sarà sicuramente uno dei temi trattati durante il convegno in quanto, i pazienti travolti da informazioni non opportunamente mediate da Professionisti del settore, sono sempre più spesso confusi e indecisi sulla scelta più adeguata da adottare. In realtà il confronto rimane controverso anche nella Comunità medica in genere e urologica in particolare . Le innovazioni tecnologiche devono di necessità tener conto dell’impatto che esse determinano sulla salute economica delle nostre Aziende, partendo dal presupposto che le Aziende Sanitarie rappresentano il Bene Comune in cui noi tutti rappresentiamo gli Utenti/Azionisti. Il convegno sarà diviso in due sessioni: la prima parte prevede un confronto sempre più attuale nella Comunità Urologica, cioè un confronto sulle nuove tecnologie applicate alla pratica clinica. La seconda sessione del Congresso prevede un argomento che rinnova la propria attualità di anno in anno: “Il tumore della prostata” oramai detentore del primato di incidenza delle neoplasie maligne nel maschio, negli ultimi 20 anni. Questo sarà sicuramente uno degli argomenti principali di dibattito ed interesse scientifico pregnante al congresso di Tarzo. Mentre fino a poco tempo fa il trattamento del tumore alla prostata era di esclusivo interesse specialistico urologico in questi ultimi anni si è vista la necessita del coinvolgimento di Specialisti di più settori: Urologo, Oncologo, Radiologo, Radioterapisti, Fisiatri sono stati chiamati ad organizzare percorsi condivisi fornire risposte multidisciplinari al paziente affetto da tale Patologia.