Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La vittima č un maresciallo di 44 anni, padre di due figli

CARABINIERE SI SPARA CON LA PISTOLA D'ORDINANZA

Il fatto avvenuto nella caserma di Treviso


TREVISO - Si è chiuso nel bagno della caserma e si è sparato un colpo con la pistola d'ordinanza, uccidendosi. A togliersi la vita un maresciallo dei Carabinieri 44enne, in servizio al Nucleo Radiomobile di Treviso. Rientrato dalla pausa pranzo nella caserma di via Cornarotta, il graduato aveva sbrigato alcune pratiche, dialogando normalmente con i colleghi. Nessun segno di particolare irrequietudine o preoccupazione. Verso le 15 si è recato alla toilette dell'ufficio ed ha puntato l'arma contro di sè: l'esplosione ha fatto accorrere gli altri carabinieri presenti. Immediato l'allarme al 118, ma per l'uomo non c'era più nulla da fare. In pochi minuti si sono precipitati anche il comandante provinciale Ruggiero Capodivento e gli altri ufficiali. Unanime, ovviamente, lo sgomento per l'accaduto. "Una tragedia inspiegabile", è l'unico commento che filtra da palazzo Zuccareda. Il gesto ha purtroppo un tragico precedente: 13 anni anche il fratello del 44enne, poliziotto della Questura trevigiana, si era suicidato. Il carabiniere, padre di due figlie adolescenti e residente a Carbonera, era molto stimato per la sua professionalità e serietà. Non ha lasciato alcun biglietto per spiegare la sua decisione estrema e nulla lasciava presagire il dramma interiore che si stava consumando. D'altronde, anche il minimo sospetto di una depressione avrebbe indotto i suoi superiori a privarlo dell'arma di ordinanza. Il comportamento del militare, invece, era sempre del tutto normale e irreprensibile, tanto che fino a pochi minuti prima aveva conversato e scherzato come sempre con i colleghi.