Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La vittima è un maresciallo di 44 anni, padre di due figli

CARABINIERE SI SPARA CON LA PISTOLA D'ORDINANZA

Il fatto avvenuto nella caserma di Treviso


TREVISO - Si è chiuso nel bagno della caserma e si è sparato un colpo con la pistola d'ordinanza, uccidendosi. A togliersi la vita un maresciallo dei Carabinieri 44enne, in servizio al Nucleo Radiomobile di Treviso. Rientrato dalla pausa pranzo nella caserma di via Cornarotta, il graduato aveva sbrigato alcune pratiche, dialogando normalmente con i colleghi. Nessun segno di particolare irrequietudine o preoccupazione. Verso le 15 si è recato alla toilette dell'ufficio ed ha puntato l'arma contro di sè: l'esplosione ha fatto accorrere gli altri carabinieri presenti. Immediato l'allarme al 118, ma per l'uomo non c'era più nulla da fare. In pochi minuti si sono precipitati anche il comandante provinciale Ruggiero Capodivento e gli altri ufficiali. Unanime, ovviamente, lo sgomento per l'accaduto. "Una tragedia inspiegabile", è l'unico commento che filtra da palazzo Zuccareda. Il gesto ha purtroppo un tragico precedente: 13 anni anche il fratello del 44enne, poliziotto della Questura trevigiana, si era suicidato. Il carabiniere, padre di due figlie adolescenti e residente a Carbonera, era molto stimato per la sua professionalità e serietà. Non ha lasciato alcun biglietto per spiegare la sua decisione estrema e nulla lasciava presagire il dramma interiore che si stava consumando. D'altronde, anche il minimo sospetto di una depressione avrebbe indotto i suoi superiori a privarlo dell'arma di ordinanza. Il comportamento del militare, invece, era sempre del tutto normale e irreprensibile, tanto che fino a pochi minuti prima aveva conversato e scherzato come sempre con i colleghi.