Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Unico esempio di iniziativa simile in tutto il Veneto

MOSAICO CARD PER GLI ACQUISTI NEL CENTRO DI MONTEBELLUNA

Carta fedeltà per sconti su servizi e prodotti di 24 negozi


MONTEBELLUNA - Nasce a Montebelluna, grazie al co-finanziamento della Regione Veneto col bando 2013 per il rilancio dei centri storici ed all’associazione pubblico-privata Il Mosaico, la prima fidelity card che promuove un marchio unico ed insostituibile, fuori dalle logiche del mercato: il centro cittadino, ovvero il centro commerciale naturale più bello ed autentico, diverso dal luccichio delle piazze artificiali.
La Mosaico Card, progettata e gestita dalla società Uelcom, è la prima del Veneto: un'iniziativa simile, al momento, è in atto solo a Gorizia. Regalata ai consumatori che frequentano le 24 attività commerciali e di servizio aderenti quasi tutte del centro montebellunese, la carta viene caricata ad ogni acquisto con punti variabili (da 1 a 4), a seconda dalla tipologia di acquisto, con il tablet dell’esercente. Al raggiungimento dei 500 punti, il consumatore ottiene un buono sconto di 5 euro da rispendere in tutta la rete dei negozi aderenti, così da creare un circuito virtuoso che alimenta l’economia del centro commerciale naturale e rilancia i consumi di turisti e consumatori. A questo sconto si aggiunge la possibilità, per il consumatore, di aderire a promozioni riservate ai possessori consultabili sul sito www.uelcom.me ma di fare poi riferimento al commerciante di fiducia montebellunese, senza avere i costi ed i rischi del pagamento e della spedizione on line, come invece capita per altri grandi portali con promozioni e sconti, tipo groupon, che generano a volte incertezze nei consumatori meno propensi all’acquisto virtuale.
“In sostanza - spiega il presidente de Il Mosaico Danilo Rossi- con questa card cerchiamo di alimentare l’economia della nostra città, perché un acquisto fatto in uno qualsiasi dei negozi aderenti, genera poi, a ricaduta, altri acquisti nei negozi della rete, inducendo il consumatore ad apprezzare l’offerta cittadina piuttosto che l’offerta periferica delle grandi superfici di vendita, in un contesto urbano storico ed autentico, ben diverso da quello dei centri commerciali artificiali".
"Ringrazio Ascom e Il Mosaico – afferma il vicesindaco di Montebelluna Elso Severin - perché fin dall'inizio la sfida per la pedonalizzazione e la riqualificazione del centro era mirata a rendere di nuovo competitivo il centro commerciale naturale di Montebelluna, anche se io preferisco la definizione molto più calda e carica di valori storici di emporio montebellunese. Grazie ad un percorso difficile, ma sempre più condiviso, Montebelluna si può offrire a livello provinciale come luogo di un commercio di qualità e a misura umana e in questo senso decisamente preferibile agli spazi anonimi della grande distribuzione".