Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'assessore Mirco Lorenzon: "Carne sana e gustosa"

NUTRIA CHE BONTÀ: IL RODITORE FINISCE NEL PIATTO

Gruppo di amici organizza una nuova cena a base del castorino


PIEVE DI SOLIGO -  Lo scorso marzo avevano cominciato con un primo assaggio. Ora danno vita ad un vero e proprio banchetto: stasera si siederanno in tavola in una cinquantina. Pietanza principale: la nutria. Sì, avete capito bene il roditore che da alcuni anni sta colonizzando le rive di molti corsi d'acqua anche nella Marca. Sarà lei la protagonista del menù, dall'antipasto al ragù, al piatto forte, cucinata arrosto, in umido, in spezzatino.
La cena si terrà stasera nel Solighese: ai fornelli una signora esperta cuoca, come commensali un nutrito gruppo di amici che da qualche tempo si dedica alla riscoperta gastronomica di questo animale. Tra loro, anche stavolta, l'assessore provinciale Mirco Lorenzon. “La nutria, del resto - spiega Lorenzon – è considerata mangereccia in moltissimi paesi e non certo del terzo mondo: in Francia, in Germania, negli Stati Uniti, in Australia. Lo stesso ministero della Sanità, quando è stata introdotta in Italia negli anni '60 del secolo scorso per la produzione di pellicce, l'ha dichiarata del tutto commestibile”. Per cui è tutto perfettamente in regola. Anzi, si tratta di una carne nutriente, magra, ricca di proteine e priva di colesterolo. E soprattutto gustosa, assicura l'assessore, forte della precedente esperienza. “C'è da superare una sorta di barriera psicologica, per cui molti rifiutano pensando di mangiare un topo. D'altra parte la nostra tradizione culinaria prevede le rane o le anguille, che pure fanno schifo a tanti”. Al di là dei pregi gastronomici, l'utilizzo alimentare presenta ulteriori vantaggi: “Potrebbe essere un modo per ridurre il numero di questi animali, che proliferando a dismisura stanno creando problemi alle sponde di molti fiumi”, conferma Lorenzon. Insomma, anziché complesse e costose operazioni di sterilizzazione e di cattura, una bella mangiata in compagnia.