Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, erano diretti a Malta, nuova base dello jihadismo

TRE SIRIANI ARRESTATI AL CANOVA: DOCUMENTI FALSI

Subito rilasciati ed espulsi su ordine della magistratura


TREVISO - Tre cittadini siriani sono stati arrestati, due giorni dopo le stragi di Parigi, dalla polizia all'aeroporto Canova di Treviso: gli stranieri, provenienti dall'Austria e diretti a Malta, erano in possesso di passaporti falsi. I viaggiatori, due 27enni ed un 48enne, sono stati rilasciati dal magistrato di turno ed accompagnati al centro di identificazione ed espulsione di Bari. I siriani avevano presentato documenti rilasciati dalla Grecia, risultati essere falsi, e sono stati traditi dalla totale ignoranza della lingua greca. Malta è considerata a tutti gli effetti una delle nuove basi del jiahdismo internazionale. Di recente un caso analogo si è verificato presso l'aeroporto di Orio al Serio e a Ciampino con sette siriani arrestati: tutti avevano documenti falsi ed un biglietto aereo per Malta. Sull'episodio del Canova è intervenuto oggi il sindacato di polizia Coisp denunciando ancora una volta le gravi carenze di organico in seno alle forze dell'ordine della provincia. Intanto nei giorni scorsi è emerso che Salah Abdeslam, il ricercato numero uno per le stragi di Parigi, e il basista, Ahmad Dahamni, sarebbero transitati attraverso la Marca nell'agosto scorso: la prova di ciò sarebbe una multa della polstrada dell'A27, a Conegliano, ad una vettura riconducibile al basista. I due, dalla Grecia, avrebbero risalito il nostro Paese verso nord. Sia la Questura che la polstrada per ora non hanno ancora confermato il passaggio dei terroristi con una vicenda che ha assunto in queste ore i contorni del giallo.

IL PROCURATORE DALLA COSTA: "ABBIAMO ESEGUITO LE PROCEDURE DI LEGGE"

Aadel Alaayad e i fratelli Husain e Rudohan Mohamad Alkhalaf potrebbero non essere già più in territorio italiano. I tre siriani, arrestati domenica 15 novembre all'aeroporto Canova di Treviso perché trovati in possesso di passaporti greci risultati falsi, sono stati infatti trasferiti al CIE di Bari per essere rispediti nel territorio in cui sono stati identificati la prima volta e dove hanno chiesto asilo, ovvero la Grecia. “Sono stati trovati in possesso di documenti falsi e per questo arrestati – ha dichiarato il procuratore Michele Dalla Costa - Dopo l’identificazione, non è risultato alcun loro collegamento con atti delittuosi e quindi la procedura che abbiamo seguito la procedura prevista dalla legge che definisce che per questo genere di reati non è previsto il carcere. Per questo la Questura ha provveduto alla loro immediata espulsione dal territorio italiano”. I tre siriani erano arrivati a Treviso seguendo la cosiddetta “rotta balcanica”. Dopo aver ottenuto in Grecia il lasciapassare di sei mesi, avevano raggiunto l'Austria passando per Turchia e risalendo fino alla Slovenia. Lo stesso tragitto percorso dagli altri quattro siriani fermati tre giorni più tardi, rispettivamente il 17 e il 18 novembre, negli aeroporti di Orio al Serio e di Ciampino. A differenza di quanto accaduto a Treviso, le Procure di Bergamo e Roma hanno trattenuto in carcere i quattro siriani in attesa che si celebri il processo per direttissima, che si terrà a fine mese dopo la richiesta di un termine delle rispettive difese. Il loro destino sarà comunque lo stesso dei tre arrestati a Treviso: verranno tutti espulsi. Le indagini degli inquirenti comunque continuano. Pur non essendo collegati con gli attentati di Parigi, i sette siriani potrebbero infatti aver ottenuto i passaporti falsi da una medesima organizzazione che, in cambio di denaro o di promesse di collaborazioni in attività criminali, li potrebbe reclutare. Fa riflettere poi che tutti avessero come destinazione Malta, riconosciuta come nuova base jihadista.