Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fregona, incastrato dagli appostamenti della polizia provinciale

RETI PER CATTURARE UCCELLI, BRACCONIERE DENUNCIATO

Un 50enne deve rispondere del reato di uccellagione


FREGONA - Operazione della polizia provinciale venatoria domenica mattina contro il bracconaggio per cattura illegale di volatili con reti. Gli agenti sono intervenuti per fermare un individuo che da tempo catturava volatili in modo illegale tramite reti in zona Fregona. Gli uomini della polizia provinciale venatoria, supportati dalle Guardie volontarie, dopo vari appostamenti hanno individuato il raggio d'azione dell'individuo e l'hanno circoscritto ieri mattina nell'area della strada del Santo. L'uomo posizionava infatti le reti, ben nascoste, nell'area cacciabile del bosco. In tarda mattinata poi è stato colto in flagranza di reato, mentre recuperava un volatile e una rete illegale. Accompagnati nella sua abitazione, gli agenti hanno trovato una grande quantità di volatili detenuti abusivamente. Il bracconiere è un 50enne trevigiano che ora dovrà rispondere del reato di uccellagione. L'operazione contro il bracconaggio di ieri segue quella di due settimane fa, quando invece era stato fermato un individuo colto a piazzare 9 reti illegali di cattura. 
Le guardie venatorie della Provincia di Treviso fanno un grandissimo lavoro per il controllo non soltanto della fauna e dell'ambiente, ma anche di tutto il territorio provinciale – spiega Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso – in questo periodo è importante sgominare chi cerca di catturare illegalmente le nostre specie autoctone, per rispetto della natura e delle zone protette, oltre che di tutti i cacciatori che si comportano correttamente. In questo periodo di tensione, sapere che anche i nostri boschi sono tenuti sotto controllo da chi li conosce molto bene, è sinonimo di sicurezza”.