Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aliquote ridotte, detrazioni e scarse rendite catastali

TASI E IMU, TREVISO INCASSA 185 EURO AD ABITANTE

Il centro della Marca 90esimo su 104 capoluoghi di provincia


TREVISO - Treviso è tra i capoluoghi italiani con il minor gettito di Tasi e Imu in rapporto alla popolazione. Nel 2014, infatti, secondo i dati del ministero dell'Economia, ogni trevigiano ha versato 185,5 euro di imposte sugli immobili. Si tratta del 90esimo valore più basso su 104 comuni capoluogo di provincia italiani (mancano ancora dati per Agrigento, Asti, L'Aquila e Pescara).
Da notare che nel computo è compreso l'intero ammontare di questi tributi, non solo quello per le abitazioni, ma anche pernegozi, uffici, capannoni ed altri tipi di fabbricati. Il risultato è dovuto a svariati fattori: le aliquote stabilite dalle varie amministrazioni e le eventuali detrazioni (che ad esempio Treviso applica), la differente presenza di fabbricati con una rendita catastale più o meno elevata e, non ultima, l'effettiva capacità dell'ente locale di incassare il tributo (in questo senso, nelle analisi degli anni precedente, il tasso di evasione, in riva al Sile, era limitato). Treviso è il secondo capoluogo del Nord a trovarsi più in basso in graduatoria, dopo Aosta (con 177,9 euro pro capite) Primato assoluto ad un altra città veneta, Padova, dove, l'anno scorso, i contribuenti hanno pagato 668,3 euro a testa. A chiudere la classifica, invece, è Crotone, in cui Tasi e Imu hanno fruttato 111 euro circa pro capite.