Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudicati con rito abbreviato quattro rom residenti a Verona

CONDANNE PER DUE ANNI E MEZZO ALLA BANDA DELLA PLASTICA

Avevano tentato un colpo alla Tecnoplast di Pederobba



PEDEROBBA
- Condannata la “banda della plastica”. Giudicati con rito abbreviato, tutti difesi dall'avvocato Francesco Spanò, quattro rom hanno rimediato 8 mesi di reclusione ciascuno per il colpo, andato male, alla Tecnoplast di Pederobba l'8 giugno scorso. Si tratta di Francesca Ahmetovic, 26enne di Verona, Michele Ahmetovic, 20enne di Verona, Rasid Ahmetovic, 20enne di Badia Polesine, e Anthony Ahmetovic, 23enne di Badia Polesine. I quattro, che dopo l'arresto erano stati scarcerati con l'obbligo di firma ogni due giorni, erano stati fermati a bordo di una Seat Ibiza azzurra la sera stessa del colpo. Avevano preparato tutto per compiere il furto nell'azienda di Pederobba: i muletti erano stati spostati in corrispondenza dei bancali sui quali era posizionato un carico di tonnellate di polietilene e la motrice di un camion rubato a Cadoneghe, in provincia di Padova, era stata parcheggiata all’esterno della fabbrica, pronta a partire quando sarebbe stato effettuato il carico. I
l colpo, seppur studiato nei minimi dettagli, non è riuscito semplicemente perché un testimone, che aveva notato nella notte movimenti strani alla Tecnoplast, aveva chiamato i carabinieri che erano riusciti a bloccare una delle tre auto in fuga. Nel corso dell’inseguimento, le tre auto si erano divise e i carabinieri si erano concentrati sulla Seat Ibiza azzurra bloccandola in via Case Rosse, a Curogna. All’interno c’erano i quattro rom, uno dei quali aveva addosso 500 euro in contanti, rubati all’interno degli uffici della Tecnoplast. I quattro sono stati assolti dall'accusa di tentato furto per il colpo in azienda ma condannati per il furto dei 500 euro.