Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fu deportato in Germania ma riuscì a fuggire e tornare in Italia

INTITOLATA A BRUNO PILAT LA CASERMA DI CISON

Cerimonia in mattinata, il militare nacque a Follina nel 1913


CISON DI VALMARINO - Nella mattinata odierna, con una solenne cerimonia a cui hanno partecipato le maggiori Autorita’ civili, militari e religiose della Provincia, e’ stata intitolata al Maresciallo Maggiore dei Carabinieri MBVM Bruno Pilat la Stazione di Cison di Valmarino. Il militare, nato a Follina nel 1913 ed arruolatosi solo 18enne nell’Arma, nei 39 anni di servizio effettivo svolto in territorio nazionale, in terra d’Africa ed in Germania quale deportato, si e’ piu’ volte distinto per altissimo senso del dovere, spiccato ardimento e pregevoli virtu’ umane oltre che militari. Gia’ decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare nel 1935, nel grado di Carabiniere, per aver affrontato da solo con ferrea determinazione, nelle campagne di Ivrea, un pericoloso pregiudicato armato subendo gravi ferite, ribadiva le sue eccezionali doti da Comandante di Stazione di Aprica (SO) dove a partire 1942, si era adoperato prima per alleviare le sofferenze di oltre 200 ebrei jugoslavi deportati nel suo territorio e successivamente ne aveva favorito l’espatrio clandestino in Svizzera. Successivamente deportato in Germania, riusciva a fuggire dal campo di prigionia ed a fare rientro in Italia riassumendo subito l’incarico. Per tale eroico comportamento, nel 2010, e’ stato decorato (alla memoria) con la Medaglia d’Argento al Valor Civile. Madrina della cerimonia, resa piu’ solenne dalla presenza di un picchetto armato ed alla quale hanno partecipato, gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Follina e la banda cittadina di Cordignano, e’ stata la figlia del decorato, la signora Bianca Pilat, 71enne, che vive in provincia di Milano. Nutrita anche la partecipazione della popolazione locale e dei centri viciniori tra la quale le gesta del conterraneo sono note e ricordate.  Il Comandante Provinciale, che ha anche passato in rassegna il picchetto e le rappresentanze schierate, nella sua allocuzione ha tra l’altro sottolineato il forte legame che intercorre tra la Stazione neo intitolata e la popolazione dei Comuni della giurisdizione, ringraziato l’Amministrazione Locale per la costante attenzione verso l’Arma ed espresso la propria soddisfazione per l’operato ed i risultati conseguiti dai Carabinieri in quel territorio cosi’ come nel resto della provincia.