Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Cinque giorni di astensione dalle udienze degli avvocati

DIRITTO ALLA PRESENZA E GIUSTO PROCESSO: ╚ SCIOPERO

Unione delle Camere Penali contro la modifica dell'art.146 bis


TREVISO – Cinque giorni di astensione dalle udienze per protestare contro le nuove proposte del governo che andrebbe a modificare l'articolo 146 bis del codice penale che riguarda, in parole povere, il “diritto alla presenza” e il “processo giusto”. L'Unione delle Camere Penali Italiane ha infatti proclamato lo sciopero in quanto, in base al decreto legge in discussione al Senato, “si introduce nel processo penale uno strumento violento, arbitrario e incostituzionale che bilancia incongruamente gli indeclinabili valori del contraddittorio, dell'immediatezza e del diritto di difesa, con discutibili esigenze di risparmio. Occorre denunciare con forza – continua il manifesto dell'UCPI – la logica securitaria ed emergenziale che viene utilizzata al fine di mantenere ed estendere normative eccezionali e straordinarie, e rinnovare la critica agli strumenti del 'doppio binario', del regime speciale del 41 bis dell'art. 146 bis, che risultano contrari ai principi di un processo democratico e liberale e alla stessa dignità delle persone”.