Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Miceli: "Interesse per la manifattura di qualitą"

TUTTI A VEDERE COME SI FANNO I MOBILI O LE VALVOLE

In 10mila nelle fabbriche a porte aperte di Open Factory


VENEZIA - Cosa facciamo oggi? Andiamo a visitare una fabbrica. Grande successo per Open Factory, la prima manifestazione di “turismo culturale manifatturiero”, che domenica ha aperto le porte di cinquanta aziende del Triveneto. In totale, sono stati oltre diecimila i partecipanti.
Record di visitatori per la centrale Enel di Nove di Vittorio Veneto e la Lago affollate da un migliaio di presenze. Ma oltre 500 persone hanno visitato Nice, Poli Distillerie e Unox. E ancora, centinaia di presenze da Alifax, Bonotto, Brovedani Group, Came, De Castelli, Fraccaro, Magis, Museo del Gioiello, Orion Valves, Paoul, Pianca, RealCable, Seguso Vetri d'Arte e tutto esaurito nei tour alla scoperta dell'Aeroporto di Tessera, del porto di Venezia e dell'Interporto di Padova. Ottima affluenza anche per i dibattiti con gli scrittori, le degustazioni e le visite guidate e le laboratori tenuti da artigiani.
Singoli appassionati, famiglie con bambini, semplici curiosi sono arrivati in prevalenza da Veneto e Friuli Venezia Giulia, ma anche da Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e persino dalle Marche e dalla Puglia, per vedere con i propri occhi come si producono mobili di design e valvole per l’industria petrolifera, automazioni per cancelli o apparecchiature biomedicali, laboratori artigiani e infrastrutture logistiche.
“Siamo estremamente soddisfatti per l’esito della manifestazione – dichiara il curatore Antonio Maconi – soprattutto perché è stato un lavoro corale svolto assieme ai promotori e alle aziende che hanno aderito. Siamo certi che dopo questa prima entusiasmante esperienza Open Factory potrà diventare laboratorio stabile di turismo culturale manifatturiero, anche per far crescere una cultura imprenditoriale che ha sempre più necessità di raccontarsi con forme innovative non solo nel proprio territorio ma anche nei propri mercati”.
La rassegna è stata promossa da VeneziePost con Fondazione Nord Est e curata da Goodnet con il patrocinio delle Confindustrie e Confartigianato del Veneto e del Friuli Venezia Giulia e la partnership di Quanta Group.
Da parte sua Stefano Micelli, direttore scientifico della Fondazione Nordest e ispiratore del'evento, ha voluto sottolineare che “l'interesse e la partecipazione alla manifestazione dimostrano una nuova sensibilità verso la manifattura italiana di qualità. Le imprese stanno imparando a raccontarsi in modo nuovo, suscitando l'interesse di un numero sorprendente di visitatori. Su questo terreno il Nord Est può essere l'apripista di un “progetto a scala nazionale".