Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sono tutti accusati di prostituzione minorile

GIGOLÒ A 16 ANNI: QUATTRO CLIENTI VANNO A PROCESSO

A denunciare il fatto alla polizia è stata la madre del giovane


TREVISO - Aveva appena 16 anni quando vendeva il proprio corpo offrendo incontri di sesso a pagamento su internet. Ora, a distanza di tre anni dai fatti, cinque suoi clienti sono finiti a processo per rispondere dell'accusa di prostituzione minorile. Uno di loro ha già chiuso i conti con la giustizia scegliendo di essere giudicato con rito abbreviato, rimediando una pena di quattro mesi di reclusione e ottenendone la sospensione condizionale. Gli altri quattro imputati, difesi dagli avvocati Fabio Crea, Italo Albanese, Fabio Pavone e Piergiorgio Oss, hanno scelto invece di andare a dibattimento per dimostrare la propria innocenza sostenendo di non sapere che quel ragazzo era minorenne, visto che con il fisico già scolpito e formato e con la barba lunga avrebbe dimostrato molti più anni di quelli che aveva in realtà. A portare alla luce la vicenda era stata, nell'inverno del 2012, la madre del giovane. Controllando il suo telefono cellulare, aveva scoperto una lunga serie di chat in cui il figlio parlava di incontri a sfondo sessuale e di denaro con dei numeri sconosciuti. La donna aveva così deciso di denunciare tutto alla Polizia che aveva avviato le indagini risalendo all'attività extrascolastica del 16enne. Sul sito bakecaincontri.it il ragazzo infatti si pubblicizzava per incontrare indistintamente donne e uomini per momenti a luci rosse particolarmente piccanti, spacciandosi per un 23enne. L'inchiesta della Procura di Venezia aveva col tempo portato a individuare cinque uomini che sarebbero stati, tra la primavera e l'inverno del 2012, clienti abituali del 16enne. Era stato lo stesso ragazzo, che si è costituito parte civile a processo, a confermare di aver avuto degli incontri di sesso a pagamento con quegli uomini, specificando però di aver detto loro di avere 23 anni. Gli inquirenti, analizzati gli atti a disposizione, avevano chiuso l'indagine chiedendo l'archiviazione delle posizioni dei cinque indagati ma il gup di Venezia, giudicando fondata l'ipotesi di reato di prostituzione minorile, aveva disposto l'imputazione coatta spedendo gli atti a Treviso per processare i cinque clienti del 16enne. Dopo la condanna di uno di loro a quattro mesi di reclusione, gli altri quattro dovranno presentarsi di fronte al giudice a fine gennaio.