Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nuovo cda della Fondazione: tre membri, Cremasco presidente

RADDOPPIARE I VISITATORI: VILLA EMO PUNTA AD AUTOMANTENERSI

Le nuove strategie, dopo lo stop ai fondi da Credito Trevigiano


VEDELAGO - A poco più di un mese dall’elezione del nuovo consiglio d’amministrazione di Credito Trevigiano un altro tassello si aggiunge alla governance dell’istituto di credito che punta ad una pronta ripartenza. Nell’ultima seduta il cda della banca ha scelto, all’unanimità, i tre componenti del nuovo consiglio d’amministrazione di Fondazione Villa Emo Onlus.
Sono: Armando Cremasco di Fanzolo, già consigliere ed oggi eletto presidente, Giacinto Cecchetto, ricercatore di storia e Giuseppe Romano consigliere della banca. Il nuovo consiglio, ridotto a tre componenti rispetto ai cinque precedenti, gestirà la villa ed il compendio,circa 10 ettari di terreno ed assorbirà anche l’altra società denominata “Antico Brolo”.
La scelta del consiglio d’amministrazione di Credito Trevigiano assegna pure una missione rinnovata alla Fondazione come precisa, Piero Pignata, presidente della bcc: "Il nuovo vertice della Fondazione sarà impegnato a reperire i fondi per assicurare la vitalità dell’istituzione. La Banca non erogherà più alcun contributo e la Fondazione dovrà camminare con le proprie gambe mettendo in campo qualità dell’offerta ed inventiva culturale e sociale".
La sfida sarà proprio questa ed il consiglio della Fondazione Villa Emo Onlus punta a raddoppiare il numero dei visitatori,da 20 mila l’anno a 40 mila, nel giro di 3 anni. “Il nostro primo e costante pensiero, però -  precisa il neo presidente Cremasco - sarà rivolto sempre ai soci perché la villa è una loro proprietà. Vogliamo che siano partecipi della gestione ed organizzeremo eventi soprattutto per loro. Puntiamo ad incrementare le donazioni del 5 per mille che non costano nulla.” La villa non dovrà essere un problema ma un’opportunità per il territorio. “Apriremo un nuovo mondo di relazioni con i centri culturali nazionali ed internazionali , con le università, con il Cisa di Vicenza, con i centri di restauro - spiegano Cremasco, Cecchetto e Romano - per inserire la villa Emo nei circuiti del turismo di qualità e nei percorsi di visibilità, comunicazione ed esportabilità. Intanto utilizziamo la rete “Isola dei Musei” e si inizierà a rimpinguare il patrimonio arboreo della villa che conta alberi e siepi storiche.” Ma questo è solo il primo passo, assicurano i responsabili. Il sogno del nuovo consiglio di Villa Emo sarebbe quello che avere così tanti turisti, desiderosi di visitare questo gioiello storico ed artistico patrimonio Unesco dell’umanità, da dover organizzare dei voli charter come succede in America. E forse questo tempo non è poi così lontano.