Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ulss: "La principale fonte di contagio sono i portatori sani"

STUDENTE CON LA MENINGITE, PROFILASSI PER I COMPAGNI

Frequenta le superiori a Motta, lettera inviata ai genitori


MOTTA DI LIVENZA - Uno studente di un istituto superiore di Motta di Livenza, residente fuori provincia, è stato ricoverato per una forma di meningite da meningococco. Il Dipartimento di Prevenzione dell'Ulss9 fin dalla prima mattinata di oggi sta già provvedendo a solo scopo precauzionale ad eseguire la profilassi prevista sui contatti stretti (compagni di classe) secondo quanto previsto dalle linee guida. Il Dipartimento di Prevenzione ha inoltre redatto una lettera per tutti i genitori della scuola in cui, tra l’altro, viene spiegato: “Il meningococco non si diffonde così facilmente come il comune raffreddore o come l’influenza. La principale fonte di contagio è rappresentata dai portatori sani: solo in un caso ogni 200 la malattia è trasmessa dalle persone malate di sepsi o meningite. Può trasmettersi solo per contatto molto stretto e quindi è estremamente improbabile che questo batterio si trasmetta all’interno della scuola e il rischio dei ragazzi non in classe col ragazzo ammalato non è sostanzialmente aumentato rispetto al normale”.