Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Obiettivo del governo: favorire l'ingresso di capitali

POPOLARI, ENTRO DICEMBRE LA TRASFORMAZIONE IN SPA

Per i critici si apre la strada alla speculazione


TREVISO - Votare a favore o contro la trasformazione in spa? E' il dilemma che sta angustiando i soci di Veneto Banca e, in prospettiva, anche quelli di Popolare di Vicenza. Ma perchè i due istituti devono cambiare la loro natura sociale, abbandonando la forma di società cooperative per azioni per passare a società per azioni? A stabilire il mutamento è il Decreto legge, 24 gennaio 2015, n. 3, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2015, n. 33, con un attivo, a livello consolidato, per le banche popolari con un attivo superiore agli otto miliardi di euro. La norma ha concesso 18 mesi (dunque entro la fine di dicembre 2016) per attuar la trasformazione.
A rientrare nei requisiti posti, oltre alle due popolari venete, sono Banca Popolare di Sondrio, Banca Popolare dell'Emilia Romagna, Credito Valtellinese, Banco Popolare, Ubi Banca, Banca Etruria, Banca Popolare di Bari. Di ecente si è aggiunta anche Volksbank, che, in seguito all'incorporazione della Popolare di Marostica, ha superato la soglia prevista. L'unica ad aver già ottemperato all'obbligo è Ubi.
L'effetto principale del provvedimento è la fine del voto capitario per passare ad un sistema “pesato” sulla quantità di azioni possedute. Il provvedimento è stato molto discusso e criticato. Secondo diversi esperti ed economisti aprirebbe la strada alla speculazione internazionali, all'interno delle popolari finora al riparo da scalate proprio grazie alle norme sul loro funzionamento. Diverse conetstazioni ha attirato anche la scelta del governo di procedere attraverso lo strumento del decreto legge. Per l'esecutivo, al contrario, oltre a rispondere alle eisgenze di maggiore trasperenza richieste dall'Europa, la riforma favorirebbe il reperimento di capitali freschi in caso di deterioramento delle condizioni di bilancio e, di conseguenza, di rischio che i coefficienti patrimoniali scendano sotto i livelli minimi. Operazione oggi frenata proprio dalla difficile contendibilità degli istituti.