Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La societÓ era stata dichiarata fallita nell'agosto 2010

CRAC IAS: SEI ANNI E SEI MESI ALL'AMMINISTRATORE

La Procura contestava un buco di un milione e 800 mila euro



RONCADE
- Sei anni e sei mesi di reclusione e oltre un milione e ottocentomila euro di risarcimento per il crac della Ias Italia Allestimenti Speciali srl di Roncade. E' la pesante condanna, aumentata di sei mesi rispetto alle richieste del pm, inflitta a M.G., amministratore di fatto della società dichiarata fallita nell'agosto del 2010. Assieme a lui, sotto accusa per bancarotta fraudolenta in concorso, c'era anche M.T., amministratore di diritto dell'azienda: secondo il collegio dei giudici del Tribunale di Treviso, l'uomo era estraneo alla distrazione dei beni della società per cui è stato assolto perchè il fatto non costituisce reato. Il pm lo riteneva colpevole, ipotizzando una condanna a due anni di reclusione. Nel dispositivo della sentenza, i giudici hanno anche dato mandato di inviare gli atti al pm per perseguire la moglie di M.G., precedente amministratrice della società, per il medesimo reato e per un importo di poco inferiore ai 390 mila euro. Il crac dell'azienda di Roncade, contestato dal pm Francesca Torri, titolare delle indagini, ammontava per l'accusa a 1.881.982 euro e spiccioli. In pratica l'entità del risarcimento imposto dai giudici da versare al curatore fallimentare Mario Toso. Le indagini condotte dalla Fiamme Gialle di Treviso avrebbero accertato che l'uomo, oltre ad aver distrutto o nascosto i libri contabili, avrebbe distratto i beni dell'azienda fallita. Nello specifico veniva contestata la somma di 1 milione 217 mila 926 euro relativa a un prelievo in contanti effettuato tra gennaio 2009 e febbraio 2010 da un conto corrente bancario intestato alla fallita Ias. Poi c'erano altri 388 mila 300 euro relativi a bonifici bancari addebitati in un conto corrente intestato alla fallita Ias e disposti, nel biennio 2009/2010, in favore di uno degli imputati senza alcuna apparente giustificazione commerciale. Ma nel mirino degli inquirenti c'erano anche cifre inferiori: 55 mila 100 euro relativi a bonifici bancari disposti nel 2008 dalla fallita Ias a favore di un parente di uno degli imputati, 153 mila euro in assegni bancari emessi dalla società in favore di terzi soggetti, e 67 mila 500 euro, sempre in assegni bancari e circolari, emessi in favore della fallita che li ha girati a un terzo soggetto, sempre senza alcun apparente sottostante rapporto commerciale.