Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'esperto di diritto bancario: "Interverrà Banca d'Italia"

NO ALLA TRASFORMAZIONE IN SPA, RISCHIO COMMISSARIAMENTO

Numerosi soci di Veneto Banca meditano di opporsi


MONTEBELLUNA - Il prossimo 19 dicembre, Veneto Banca terrà un'assemblea in cui verranno posta all'approvazione dei soci la trasformazione in spa e le deleghe al cda per avvire il percorso per l'aumento di capitale da un miliardo di euro e la quotazione in Borsa. A marzo Banca Popolare di Vicenza farà sostanzialmente lo stesso. Tra molti soci, infuriati per il crollo del valore delle azioni e preoccupati che la svalutazione possa proseguire con lo sbarco a Piazza Affari, si va diffondendo l'idea di votare contro al passaggio a società per azioni.
Una premessa è d'obbligo: la legge di riforma della popolari impone alla banche di questo tipo con un attivo superiore agli 8 miliardi di euro, tre possibilità: ridurre l'attivo sotto la soglia, decretare la liquidazione coatta, oppure, appunto, trasformarsi in spa. La prima ipotesi, nel caso dei due istituti veneti, è tecnicamente possibile, ma molto complessa sul piano pratico. Sia Veneto Banca, sia BpV hanno un attivo molto al di sopra del minimo (rispettivamente di circa 36 e 45 miliardi). Dovrebbero dunque dismettere gran parte degli asset: immobili, partecipazioni, compresi, con ogni probabilità, i crediti alla clientela (posto di trovare venditori interessati). La liquidazione volontaria equivale all'autofallimento e alla fine delle secolari banche. La terza ipotesi duqnue è qualla proposta dai vertici stessi dei due gruppi.
Ma quali conseguenze avrebbe un voto contrario in assemblea? “Si possono aprire scenari potenzialmente traumatici - spiega Matteo De Poli, veneziano, avvocato, docente di diritto bancario e dei mercati finanziari alla facoltà di Giurisprudenza dell'università di Padova -. Banca d'Italia può intervenire e adottare un divieto di intraprendere nuove operazioni, può commissariare la banca, può proporre la liquidazione coatta amministrativa. Può perfino proporre alla Bce la revoca dell'autorizzazione all'attività bancaria”. Secondo il docente universitario, l'intervento di Banca d'Italia sarebbe molto probabile: “Banca d'Italia ha già avvisato fin d'ora che guarderà al rispetto non solo formale, ma anche sostanziale della legge. E lo spirito della legge, indipendentemente che la si ritenga giusta o sbagliata, è che banche medio grandi svolgano la loro attività in forme giuridiche idonee a consentire rapide ricapitalizzazioni. Queste possono essere ottenute molto più facilmente con il modello spa e quotazione. Se ciò non avviene, Bankitalia può ritenere che una banca non si sia messa in sicurezza. Posso ben capire i mal di pancia e la tentazione di pensare: 'tanto peggio, tanto meglio', ma di fronte ad una prova di forza, gli scenari sono abbastanza segnati”.