Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato un viaggio spazio-tempo, domenica Panecinema

AL TEATRO DEL PANE LA MAGIA DEL CIRCO, DELLA SCIENZA E DEL CINEMA

Venerdì torna "Fragile" di Pantakin Circo Teatro


Dopo il successo dello scorso anno, torna venerdì 11 dicembre al Teatro del Pane, lo spettacolo "Fragile" con la compagnia veneziana Pantakin Circo Teatro.

Fragile è una storia di scatole: di cartone, piccole, grandi, piatte, gonfie, insomma di tutti i tipi. Il mestiere degli attori è quello di mettersi in gioco, di giocare per scoprire, di stupirsi, di riportare il pubblico all'interno di questo stupore che fa tenerezza. Così senza proferir parola, il Pantakin Circo Teatro riempirà il palcoscenico con un mare di scatole e lo spazio, abitato principalmente da due stralunati personaggi, si trasformerà in una ditta di spedizioni con una ferrea logistica, nella sala operatoria di un ospedale, in un ristorante caleidoscopico, in un canile con cani quadrati, in un teatro Pirandelliano con scatole sul punto di essere spedite, in un acquario cinese, in un circo sott’acqua e tanto altro ancora.

Le scatole porteranno la compagnia teatrale in questi luoghi e così avverrà per gli spettatori: per divertire, perché è bellissimo stupirsi insieme, di uno stupore che fa tenerezza.

 

Sabato 12 dicembre invece, sarà di scena "Torno indietro e uccido il nonno" con Andrea Brunello e Roberto Abbiati. "Dove va il Tempo che passa?" Questa è la domanda che Albert Einstein si pose quando, ragionando sul concetto di spazio-tempo, volle cercare una simmetria fra il moto spaziale e quello temporale. Questione che racchiude in sé tutta la poesia e la profondità di un pensiero geniale che ha saputo generare così tante trasformazioni nel nostro modo di vivere e di percepire il mondo. Non è quindi solo una domanda esistenziale e filosofica ma di fondamentale importanza per la scienza. Lo spettacolo è la storia di un vecchio clown che capisce che ormai la sua vita è agli sgoccioli e cerca suo nonno per trovare conforto. Ma suo nonno è morto da tempo... solo il suo spirito sopravvive. È un fantasma, un sogno, una visione. Nasce così uno spettacolo illuminante e toccante: la scienza incontra Aspettando Godot, Sant’Agostino, Einstein al ritmo della musica dei Radiohead!

Torno indietro e uccido il nonno nasce all'interno del progetto Jet Propulsion Theatre (JPT) - Laboratorio Permanente della formazione e della divulgazione scientifica in coordinamento con il Laboratorio di Comunicazione delle Scienze Fisiche dell'Università degli Studi di Trento - www.jetpropulsiontheatre.com

 

Apertura ore 19.30, cena ore 20.00, spettacolo ore 21.30. Contributo cena: € 25. Contributo spettacolo: € 10. Formula cena + spettacolo: € 35.

 

Domenica 13 dicembre, infine, per la rassegna cinematografica Fuori dagli sche(r)mi”, a cura di Panecinema ed in chiusura di rassegna, verrà proiettato Io sto con la sposa, film documentario del 2014 di Antonio AugugliaroGabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry la cui post-produzione è frutto di una campagna di crowdfunding, condotta con successo sulla piattaforma Indiegogo che ha permesso alla pellicola di venire candidata alla 71ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e di venire distribuita nelle sale italiane nell'ottobre 2014.
Ispirato a una storia vera, il film racconta le vicende di un poeta siriano e un giornalista italiano che aiutano cinque profughi, sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e arrivati a Milano, a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Coinvolta una giovane ragazza siriana con passaporto tedesco, insceneranno un corteo nuziale, nella speranza da sottrarsi ai possibili controlli. Durante il viaggio, i protagonisti si racconteranno le loro storie e i loro sogni sperando soprattutto in un futuro senza più guerre e frontiere. Coerentemente con iltema del film verrà proposto un menù delle feste: dallo sposalizio al Natale. 
Film ore 18, cena ore 20, biglietto (film + cena) 25 €, Bambini (cartone + cena) 5 €, è consigliata la prenotazione. Ai bambini sarà riservato uno spazio per cartoni e animazioni (dalle ore 18 fino alla cena). Tutti i menu saranno accompagnati dal pane Panecinema, cotto a legna, con pasta madre centenaria e farine biologiche.


Per questi nuovi appuntamenti al Teatro del Pane la cucina si rinnova, con nuovi sapori che nascono dalla collaborazione con Diego Tomasi del ristorante Il Basilisco di Treviso.

 

Per info: info@teatrodelpane.it.