Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Voce gospel e brio jazz nel progetto soul trevigiano

ECCO LA "MUSICA DELL'ANIMA" DI B-JAY & SOUL RAMBLERS

Il disco esce venerdì 18 dicembre al Mattorosso di Montebelluna


E' una raffinata mistione tra musica soul, gospel e r&b, arricchita dall'estro jazz della sezione ritmica, il disco di B-Jay & The Soul Ramblers. 9 pezzi originali scritti dal cantante Banji “B-Jay” Tofade, ospite nei nostri studi con il batterista Remo Straforini e il percussionista Tommaso Palma, parte della formazione che oggi conta sette elementi.
Come si colloca il progetto del gruppo trevigiano all'interno del più vasto panorama della musica soul? Per rispondere partiremo da lontano, dalle origini, ossia dal contesto che ruota attorno a due etichette indipendenti degli States degli anni '60: la Motown Records e la Stax Records, che rappresentano anche due “scuole” distinte. Capiremo come il sound e la filosofia che orbita attorno a queste due etichette abbia influenzato il soul in senso lato, e il progetto di B-Jay & The Soul Ramblers nello specifico. Naturalmente, entreremo nel profondo dei testi, a sfondo sociale e spirituale, sempre ispirati alla quotidianità. E lo faremo accompagnati dall'ascolto di quattro pezzi: “It Is Love?”, “My Sweetest Soul”, “Be Proud Of Who You Are”, “Life”.

I B-Jay & The Soul Ramblers presentano il disco venerdì 18 dicembre con il concerto al Mattorosso di Montebelluna.