Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Anche Genc Hisbajrami ha patteggiato due anni e due mesi

TERZA SENTENZA A CARICO DELLA "BANDA DEI FANTASMI"

Il gruppo aveva seminato il terrore a Conegliano a ottobre 2014



CONEGLIANO
- Dopo i pronunciamenti del giudice nei confronti di due dei quattro componenti della “banda dei fantasmi”, è arrivata anche la terza sentenza. Riguarda Genc Hisbajrami il quale, difeso dall'avvocato Fabio Crea, ha patteggiato due anni e due mesi di reclusione così come Sirjan Brahelica, il terzo albanese che era stato acciuffato dagli inquirenti a Torino (così come Hisbajrami) dopo essere stato rimesso in libertà dal giudice Angelo Mascolo due giorni dopo l'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare. Patteggiamenti che si vanno ad aggiungere a quello a due anni e nove mesi rimediato lo scorso aprile da Blenar Gjinai, ritenuto il responsabile della rapina ai danni di un 66enne di Santa Lucia di Piave (era stato riconosciuto dalla stessa vittima) e di altri 4 furti. Si tratta della banda di albanesi, dedita a colpi in abitazione, che aveva seminato il terrore nel coneglianese. Gjinai è stato l'unico a rimanere dietro le sbarre mentre i tre complici (tra i quali Alfred Kadiu, l'unico latitante e considerato la spalla di Gjinaj per la rapina di Santa Lucia di Piave), erano infatti stati scarcerati nell'ottobre dello scorso anno. 
A inizio marzo la Polizia di Torino aveva arrestato Genc Hisbajrami mentre guidava senza patente per la città. Qualche settimana più tardi la polizia municipale del capoluogo piemontese, a seguito del controllo di un’Alfa 147, si era imbattuta in Sirjan Brahelica, che era stato fermato con parte della refurtiva ancora in mano mentre usciva da un compro oro di San Vendemiano assieme a Hisbajrami. Episodio che aveva permesso ai carabinieri di sgominare la banda. Gli uomini della municipale di Torino si erano insospettiti per la patente che l’albanese aveva esibito e avevano deciso di portarlo nei loro uffici. Dopo un esame attento avevano accertato che il documento era contraffatto e che quindi l'albanese andava denunciato a piede libero per il reato di contraffazione e uso di atto falso. Ma grazie al foto segnalamento, avevano potuto accertare che su di lui pendeva il provvedimento emesso dal Tribunale del riesame di Venezia. Sentenza sulla quale anche la Corte Suprema di Cassazione aveva messo la parola fine circa la necessità di arrestare i componenti della banda che erano finiti in manette il 23 ottobre 2014 con l’operazione “Shadows”, portata a termine dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Conegliano.