Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Farra, votati con il massimo dei voti i vini dell'annata 2015

IL PREMIO TRE BICCHIERI DEL GAMBERO ROSSO A "MEROTTO"

Ennesimo riconoscimento per l'aziende di Col San Martino


FARRA DI SOLIGO - Ennesimo meritatissimo riconoscimento per Graziano Merotto titolare della cantina “Merotto Spumanti” sita in Via Scandolera, 21 a Col San Martino, il quale, nei giorni scorsi, per il sesto anno consecutivo, la più prestigiosa e conosciuta guida dei vini d’Italia “Gambero Rosso” gli ha conferito i “Tre Bicchieri” premiando con il massimo dei punteggi il suo Prosecco Superiore DOCG Couvèe del Fondatore –Rive di Col San Martino- Brut. I vini prodotti da Graziano Merotto nell’annata 2015 sono stati un vero trionfo, un’annata record sia per quantità che per qualità. Questo gli ha permesso di vincere una miriade di premi nazionali ed internazionali, tra i quali: 1° Premio “4 Viti” della “Guida Vitae 2016” indetto dall’Associazione Italiana Sommelier; 1° Premio Speciale per il miglior spumante metodo “Charmat” della A.I.S. Veneto; 1° Premio al “International Wine Festival di Meran”; 1° “Premio Corona” indetto dalla “Guida vini buoni d’Italia 2016” organizzato dal Touring Club Italiano con il vino: “La Primavera di Barbara” prodotto con il quale si è aggiudicato anche il diploma e la “Fascetta d’oro” nella manifestazione “Primavera del Prosecco”. Graziano Merotto è uno tra gli imprenditori del pregiato vino prosecco DOCG più conosciuti e stimati della sinistra Piave. “Ho iniziato a lavorare i campi ed i vigneti quando ero ancora giovanissimo, oltre 50 anni fa, -racconta Graziano- ed ho avuto un’adolescenza molto sfortunata e difficile. Ero il maggiore di quattro fratelli ed avevo appena compiuto 18 anni, trascorrendo il mio tempo sempre tra i campi e la scuola, quando è morto mio padre Albino. Per la nostra famiglia è stata una grande disgrazia ed io per mantenere la mamma ed i tre fratelli, ho lavorato tantissimo. Di giorno mi dedicavo ai lavori nei campi e nelle vigne e di notte per non perdere tempo mi fermavo a dormire dentro un tino usato per la fermentazione, così al sorgere del sole ero già sul posto per ricominciare la giornata”. –E continua- “La fortuna ha voluto che nella mia strada trovassi anche tante persone che hanno creduto in me e che mi hanno aiutato, come: il professor Tullio De Rosa, insegnante dal 1966 e poi anche direttore presso l’Istituto Sperimentale della Scuola Enologica di Conegliano, l’amico enologo e poeta Piero Berton che, sotto sua indicazione acquistai la prima autoclave. Si sono susseguiti poi altri importanti enologi come: Mariano Pancot e Mark Merotto. Dal 2001 con l’entrata in azienda di Dino Maule responsabile marketing e dal 2006 della direttrice Luisa Dalla Costa, l’azienda ha iniziato a decollare e farsi conoscere anche all’estero. Ora si beve Merotto dall’Australia al Messico, dal Canada agli Stati Uniti, dalla Russia al Regno Unito, senza citare tutti gli altri paesi europei”.