Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, l'episodio ieri mattina in Borgo Capriolo

L'EX NON GLI FA VEDERE IL FIGLIO, MALMENA GLI AGENTI

Arrestato un 28enne per violenza a pubblico ufficiale


TREVISO - Tensione martedì mattina a Borgo Capriolo a Treviso, nel quartiere di Santa Bona. Un trevigiano di 28 anni è stato arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale dopo aver aggredito un agente di polizia che era intervenuto sul posto per una lite scoppiata tra il giovane e la sua ex fidanzata. Il 28enne, verso le 10.30, aveva raggiunto l'abitazione della donna per poter vedere il proprio figlioletto di quattro anni, nato proprio da quella unione. L'ex fidanzata però respinge l'uomo, dicendo che il piccolo non voleva vedere il padre. Il 28enne, furente, ha così chiamato il 113 per far valere le sue ragioni. Sul posto sono arrivate due pattuglie della polizia che hanno inutilmente cercato di calmare gli animi. Nonostante l'intervento degli agenti la donna non ha però cambiato idea. La reazione del padre del piccolo è stata violentissima: oltre agli insulti, l'uomo ha pure preso a calci il citofono e ha poi ferito uno dei quattro agenti che tentavano inutilmente di calmarlo. L'uomo, arrestato, si trova attualmente ai domiciliari.