Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era al 7° mese di gravidanza, senza vita anche il feto

MAMMA DI 34 ANNI MUORE PRIMA DEL PARTO

Marta Lazzarin, di Giavera, si è spenta a Bassano


BASSANO DEL GRAPPA - Una mamma di 34 anni e il bambino che stava per dare alla luce sono morti all'ospedale di Bassano. Marta Lazzarin, era originaria di Cusignana di Giavera del Montello, si occupava delle relazioni esterne per le Distillerie Nardini di Bassano e curava un seguitissimo blog di viaggi, insieme al compagno Christian Cappello, 38enne bassanese. Era alla 27esima settimana di gestazione, nei giorni scorsi aveva serenamente festeggiato il Natale in famiglia. Martedì, intorno a mezzogiorno,  la giovane si è presentata al pronto soccorso con febbre alta e dolori al ventre, conseguenza della rottura delle membrane e fuoriuscita del liquido amniotico. La visita ostetrica e la successiva ecografia hanno purtroppo riscontrato l'assenza di battito cardiaco, e quindi la morte, avvenuta probabilmente da un paio di giorni, del bambino che portava in grembo e che i genitori avevano già deciso di chiamare Leonardo. La donna è stata ricoverata e sottoposta a terapia antibiotica: accusate le prime contrazioni, è stata portata in sala travaglio, attendendo l'espulsione naturale del feto. Poco dopo le 17, tuttavia, la situazione è all'improvviso peggiorata: la 34enne è entrata in coma e poi è deceduta. Inutili tutti i tentativi di rianimazione. Secondo una prima ricostruzione, la causa sarebbe dovuta ad un'embolia polmonare, una complicazione dovuta alla morte del feto. E' già stata disposta l'autopsia.
"Continuerò a viaggiare con te nel cuore, mi piace pensare che tu possa vedere con i miei occhi i luoghi che hai sempre sognato. Vedrai amore, vedrai ce la farò, perchè conosco i tuoi pensieri e so che sei al mio fianco e queste parole vengono anche da te. Amore mio, resterai sempre con me", ha scritto il compagno Chris in un post nel loro "diario" su internet "Blog di viaggi".
Si tratta del terzo caso di fatali complicanze per puerpere e neonati in Veneto, nel giro di una settimana: sempre a Bassano, a Natale, il piccolo Kevin Brandalise, non era soppravvissuto che qualche minuto dopo la nascita, mentre, poche ore prima, a Verona, non ce l'avevano fatta Anna Massignan e il suo primogenito.

La foto postata dal compagno Christian sul loro blog per ricordare Marta

Marta in uno dei suoi molti viaggi nel mondo
Marta e Chris insieme