Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sul decesso di Marta Lazzarin l'ipotesi è omicidio colposo

MORTA DI PARTO A BASSANO: APERTA UN'INCHIESTA

L'autopsia sarà effettuata probabilmente martedì


BASSANO DEL GRAPPA - Un fascicolo di inchiesta con l'ipotesi di omicidio colposo è stato aperto dalla Procura di Vicenza che indaga sulla morte di Marta Lazzarin, la blogger di viaggi originaria di Cusignana di Giavera deceduta martedì durante il travaglio all'ospedale di Bassano del Grappa, a poche ore dal decesso del bimbo che portava in grembo. La famiglia aveva presentato un esposto per omicidio colposo, chiedendo il sequestro della cartella clinica e l'effettuazione dell'autopsia, che dovrebbe essere effettuata martedì prossimo, alla quale parteciperà anche un perito nominato dalla famiglia della vittima, oltre al consulente della Procura e al perito dell'Usl di Bassano. In questa fase, ha spiegato l'avvocato Ottoni, non vi sono elementi per i quali si possano configurare responsabilità nella morte della 34enne da parte dei medici del San Bassiano, ma la famiglia chiede che venga fatta piena luce sugli eventi che hanno portato alla morte della loro congiunta. Marta Lazzarin, alla 27esima settimana di una gestazione che non le aveva mai dato alcun tipo di problema, era giunta nel pomeriggio di martedì 29 dicembre al pronto soccorso dell'ospedale bassanese, con forte febbre e dolori addominali. Gli accertamenti medici avevano permesso di appurare che c'era stata la perforazione del sacco amniotico, e che il feto era purtroppo già morto, probabilmente da un paio di giorni.