Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il tribunale dispone il non doversi procedere a carico di un 25enne

SPRAY URTICANTE IN TASCA: PER IL GIUDICE NON È REATO

La Procura aveva spiccato un decreto penale da 3.340 euro



CASTELFRANCO VENETO
– Portare nella borsa o nella tasca della giacca uno spray al peperoncino per difesa personale non è più reato. O almeno in particolari circostanze, come stabilito dal giudice Piera de Stefani del tribunale di Treviso. Sotto accusa c'era un 25enne castellano beccato con un flacone di spray urticante durante un normale controllo. Raggiunto da un decreto penale di condanna da 500 euro per aver violato l'articolo specifico in merito alla legge sulle armi, il giovane aveva ottenuto l'oblazione a 3.340 euro. Somma che non aveva mai saldato allo Stato per cui, in automatico, si è ritrovato in aula. Difeso dall'avvocato Simone Guglielmin, il ragazzo ha così affrontato il processo e il giudice, accogliendo la tesi difensiva che con ogni probabilità farà giurisprudenza, ha disposto il non luogo a procedere in mancanza della rilevanza penale del fatto contestato. In pratica, essendo l'imputato incensurato e non socialmente pericoloso, la corte ha accolto la tesi difensiva secondo cui la tenuità del fatto (ovvero l'essere in possesso dello spray al peperoncino senza averlo mai utilizzato) non rappresenta un illecito penale.