Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il re delle discoteche accusato di abbandono di rifiuti

IMMONDIZIA AL "CASA DI CACCIA": CONDANNATO VENERANDI

Dovrà pagare seimila euro di ammenda: la difesa annuncia appello



MONASTIER
- Seimila euro di ammenda per un cumulo di immondizia non suo lasciato nel parcheggio della discoteca “Casa di Caccia” di Monastier. E' la sentenza pronunciata dal Tribunale di Treviso nei confronti di Renzo Venerandi, finito suo malgrado in aula per rispondere del reato di abbandono di rifiuti. Il patron delle discoteche della Marca, difeso dall'avvocato Antonio D'Alesio, ha già annunciato che presenterà ricorso in appello contro una sentenza che giudica sbagliata. Il fatto incriminato risale alla fine del 2013. I funzionari dell'Arpav, assieme al personale dei vigili del fuoco, in seguito a una segnalazione avevano effettuato un sopralluogo nel parcheggio della discoteca di Monastier e avevano trovato alcuni sacchi della spazzatura, degli indumenti, delle confezioni di alimenti, diverse lattine e alcune bottiglie di plastica lasciate nelle immediate vicinanze della “Casa di Caccia”. Immediata era scatta dunque la denuncia penale per abbandono di rifiuti nei confronti del titolare del locale. Il pm che aveva in carico il fascicolo aveva spiccato un decreto penale di condanna da 10 mila euro di ammenda, ridotto a 5 mila per il rito. Venerandi, che si è sempre dichiarato estraneo ai fatti contestati, ha deciso così di presentare opposizione. In aula il giudice, pur condannandolo al minimo della pena, lo ha comunque riconosciuto colpevole nonostante la tesi difensiva secondo cui chiunque avrebbe potuto abbandonare quei rifiuti nel parcheggio. Inoltre Venerandi ha sempre sostenuto che non avrebbe avuto alcun motivo di lasciare quell'immondizia in parcheggio in quanto, essendo titolare del locale pubblico, ha anche in dotazione diversi bidoni per la raccolta dei rifiuti e dunque, di conseguenza, quell'immondizia doveva essere per forze di qualcun altro. E se anche fosse stata di qualche suo cliente, avrebbe fatto ripulire il parcheggio nei giorni immediatamente successivi al controllo.