Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il re delle discoteche accusato di abbandono di rifiuti

IMMONDIZIA AL "CASA DI CACCIA": CONDANNATO VENERANDI

Dovrà pagare seimila euro di ammenda: la difesa annuncia appello



MONASTIER
- Seimila euro di ammenda per un cumulo di immondizia non suo lasciato nel parcheggio della discoteca “Casa di Caccia” di Monastier. E' la sentenza pronunciata dal Tribunale di Treviso nei confronti di Renzo Venerandi, finito suo malgrado in aula per rispondere del reato di abbandono di rifiuti. Il patron delle discoteche della Marca, difeso dall'avvocato Antonio D'Alesio, ha già annunciato che presenterà ricorso in appello contro una sentenza che giudica sbagliata. Il fatto incriminato risale alla fine del 2013. I funzionari dell'Arpav, assieme al personale dei vigili del fuoco, in seguito a una segnalazione avevano effettuato un sopralluogo nel parcheggio della discoteca di Monastier e avevano trovato alcuni sacchi della spazzatura, degli indumenti, delle confezioni di alimenti, diverse lattine e alcune bottiglie di plastica lasciate nelle immediate vicinanze della “Casa di Caccia”. Immediata era scatta dunque la denuncia penale per abbandono di rifiuti nei confronti del titolare del locale. Il pm che aveva in carico il fascicolo aveva spiccato un decreto penale di condanna da 10 mila euro di ammenda, ridotto a 5 mila per il rito. Venerandi, che si è sempre dichiarato estraneo ai fatti contestati, ha deciso così di presentare opposizione. In aula il giudice, pur condannandolo al minimo della pena, lo ha comunque riconosciuto colpevole nonostante la tesi difensiva secondo cui chiunque avrebbe potuto abbandonare quei rifiuti nel parcheggio. Inoltre Venerandi ha sempre sostenuto che non avrebbe avuto alcun motivo di lasciare quell'immondizia in parcheggio in quanto, essendo titolare del locale pubblico, ha anche in dotazione diversi bidoni per la raccolta dei rifiuti e dunque, di conseguenza, quell'immondizia doveva essere per forze di qualcun altro. E se anche fosse stata di qualche suo cliente, avrebbe fatto ripulire il parcheggio nei giorni immediatamente successivi al controllo.