Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusato con Eros Corai di aver distratto 600 mila euro di beni

BANCAROTTA FRAUDOLENTA: ZACCARIOTTO TORNA IN AULA

Il curatore fallimentare si č costituito parte civile a processo



GAIARINE
– Dopo essere stato assolto dalle accuse di aver evaso 2 milioni di euro di Irpef e di frode fiscale (derubricata in dichiarazioni contabili infedeli), rimediando una condanna in primo grado a due anni e sei mesi soltanto per il mancato versamento Iva, l'imprenditore Mario Zaccariotto è tornato in aula per il processo più spinoso, che lo vede imputato di bancarotta fraudolenta. I giudici del Tribunale di Treviso hanno infatti aperto il procedimento penale a carico dell'ex azionista della Cucine Zaccariotto spa di Gaiarine e di Eros Corai, amministratore della Zaccariotto cucine srl. Con ruoli e responsabilità diverse, i due secondo l'impostazione sostenuta dalla Procura di Treviso avrebbero commesso una serie di irregolarità appropriandosi, attraverso la cessione di un ramo d'azienda, di beni destinati ai creditori del fallimento. Nel processo, assistito dall'avvocato Danilo Riporti, si è infatti costituito parte civile il curatore fallimentare Gianbattista Rossetti, secondo il quale sarebbero stati distratti beni per circa 600mila euro.