Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un progetto che unisce tre realtà di teatro, danza e musica

LA GRANDE GUERRA RACCONTATA IN UN MUSICAL

Sabato 16 e domenica 17 gennaio al Teatro Astori di Mogliano


Doppia replica - sabato 16 gennaio, ore 20:30, e domenica 17, ore 16:00, al Teatro Astori di Mogliano Veneto - con lo spettacolo musicale “I Pifferi di montagna vennero per suonare e furono suonati”, un musical sulla Grande Guerra, interpretato da un ensemble musicale, da una compagnia di teatro danza e da due attori.
A cura della Compagnia d'Arte Pifferi (progetto che riunisce tre realtà culturali diverse del nostro territorio: la compagnia di danza Nextage Dance Theatre, la compagnia teatrale Tracce sul Palco e l'ensemble musicale I Discordi), l'evento si inserisce nell'ambito delle commemorazioni del centenario della Prima Guerra Mondiale, e rappresenta il singolare caso di un vero e proprio musical sulla guerra.

L'originale scelta artistica nasce dall'esigenza di restituire la straordinaria tragicità di quel capitolo della Storia attraverso codici di linguaggio inconsueti (almeno per la materia trattata), ma proprio per questo motivo sorprendentemente efficaci e coinvolgenti. Il titolo dello spettacolo rimanda invece al detto popolare che fu usato dai giornali di trincea italiani per schernire l'esercito austroungarico, sconfitto dopo furiosi combattimenti tra Nervesa e Arcade nel giugno 1918, in quella che Gabriele d'Annunzio ribattezzò la battaglia del solstizio.

Le emozioni, le sofferenze, le aspettative e le delusioni dei giovani che combatterono lungo la linea del Piave sono interpretate con musiche, testi e coreografie originali, che guidano lo spettatore attraverso continui salti temporali, tra il presente e quel tragico periodo di un secolo fa. I fatti e le parole, a cura dell'appassionato storico Giovanni Callegari e narrati dalle voci di Alessandra Tesser e Paolo Ronchin (compagnia teatrale “Tracce sul Palco”), si alternano ai brani scritti dal maestro Maurizio Mores (già musicista per Massimo Bubola e Tolo Marton) e dall'artista trevigiano Francesco Bordignon (co-autore dei testi), e alle coreografie del gruppo Nextage Dance Theatre, diretto da Angela Lattanzio, imponendo una lettura intima e trasversale della guerra e delle sue conseguenze.

Con oltre 20 persone sul palco tra attori, musicisti e danzatrici, l’alternarsi ed il sovrapporsi di segni diversi (suono, movimento, parola) ora sinergici, ora in opposizione, aprono ad una riflessione sull’esperienza umana del conflitto, costringono violentemente a non dare mai per scontate la Storia e la Memoria, spesso trascurate da una quotidianità distratta e satura di drammi e informazioni.

L'ingresso, per ciascuna data, prevede un biglietto di € 5,00.