Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In arrivo nei prossimi giorni 80 profughi, infuriano le polemiche

BLITZ DI CASA POUND A CISON, "UNA BANLIEUE"

Scritta compare all'ingresso della struttura di Soller


CISON DI VALMARINO - "Welcome to banlieue": questa è la scritta che campeggia da questa notte all'ingresso del viale che conduce "al Borgo", storica struttura di Soller adibita per anni al settore della ristorazione e accoglienza turistica, e che ora potrebbe trasformarsi in un centro accoglienza profughi. L'azione, compiuta durante la nottata da militanti di CasaPound Veneto tramite l'affissione di uno striscione, vuole essere -si legge in un comunicato- "una provocazione rispetto alla decisione irragionevole, presa dalla Prefettura, di inserire 80 profughi in un contesto residenziale isolato. Impossibile non pensare che questo inserimento non stravolga e peggiori l'assetto sociale locale, tanto da far immaginare la creazione, appunto, di una piccola banlieue ai margini del comune di Cison. "Continuiamo ad essere contrari - dichiara Andrea De Bortoli, responsabile provinciale CasaPound Italia - a questo tipo di approccio al fenomeno migratorio, che da una parte non tutela la stabilità e la sicurezza dei cittadini italiani sempre più vessati da anni di crisi, e dall'altro non costituisce una valida soluzione al dramma di chi fugge dalla propria terra illuso dalle lusinghe di coloro che in malafede, ma in realtà strofinandosi le mani per lo sfruttamento del business dell'accoglienza, gridano welcome”