Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In arrivo nei prossimi giorni 80 profughi, infuriano le polemiche

BLITZ DI CASA POUND A CISON, "UNA BANLIEUE"

Scritta compare all'ingresso della struttura di Soller


CISON DI VALMARINO - "Welcome to banlieue": questa è la scritta che campeggia da questa notte all'ingresso del viale che conduce "al Borgo", storica struttura di Soller adibita per anni al settore della ristorazione e accoglienza turistica, e che ora potrebbe trasformarsi in un centro accoglienza profughi. L'azione, compiuta durante la nottata da militanti di CasaPound Veneto tramite l'affissione di uno striscione, vuole essere -si legge in un comunicato- "una provocazione rispetto alla decisione irragionevole, presa dalla Prefettura, di inserire 80 profughi in un contesto residenziale isolato. Impossibile non pensare che questo inserimento non stravolga e peggiori l'assetto sociale locale, tanto da far immaginare la creazione, appunto, di una piccola banlieue ai margini del comune di Cison. "Continuiamo ad essere contrari - dichiara Andrea De Bortoli, responsabile provinciale CasaPound Italia - a questo tipo di approccio al fenomeno migratorio, che da una parte non tutela la stabilità e la sicurezza dei cittadini italiani sempre più vessati da anni di crisi, e dall'altro non costituisce una valida soluzione al dramma di chi fugge dalla propria terra illuso dalle lusinghe di coloro che in malafede, ma in realtà strofinandosi le mani per lo sfruttamento del business dell'accoglienza, gridano welcome”