Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Il nuovo contratto collettivo snodo fondamentale"

LA TREVIGIANA ANTONELLA CANDIOTTO GUIDA I METALMECCANICI VENETI

Vice di Unindustria, eletta presidente della categoria regionale


TREVISO - Antonella Candiotto, trevigiana, è la nuova presidente di Confindustria Veneto Metalmeccanici. Eletta nei giorni scorsi dai presidenti delle sezioni metalmeccaniche delle associazioni territoriali, succede nell’incarico a Massimo Finco. Tra le priorità del mandato della neo Presidente , il tema del rinnovamento della contrattazione per il comparto metalmeccanico.
“Il nuovo contratto nazionale per il nostro settore - dichiara Antonella Candiotto - è uno snodo fondamentale per le relazioni industriali. Ci riconosciamo nella proposta di Federmeccanica, in cui viene attribuito grande peso alla contrattazione di secondo livello, che dovrà definire livelli retributivi oggettivamente collegati ai risultati dell'impresa, secondo il principio che la ricchezza può essere distribuita solo dopo che è stata prodotta e comunque nell'ambito in cui essa viene generata, cioè l’azienda. Il rinnovamento del contratto nazionale vuole anche valorizzare il welfare, rafforzando la previdenza complementare e l'assistenza sanitaria integrativa, e la formazione quale diritto/dovere di crescita professionale dei nostri collaboratori”.
“La crisi che abbiamo attraversato – continua Candiotto – ha inciso pesantemente sul comparto metalmeccanico, causando una perdita di un quarto della produzione industriale e di 252.000 posti di lavoro. Nello stesso periodo, la produttività è aumentata dello 0,9%, ma il costo del lavoro complessivo ha registrato un incremento del 23,1% e il costo del lavoro per unità di prodotto è cresciuto del 22%. Una situazione, quindi, non più sostenibile e che dobbiamo tutti insieme cambiare se vogliamo rilanciare l’industria e il lavoro nel nostro Paese. Il rinnovamento del contratto nazionale dei metalmeccanici è un’opportunità per farlo e può essere un esempio da seguire anche per altri settori che si apprestano a discutere il nuovo contratto di lavoro. Attraverso nuovi paradigmi contrattuali si favoriscono e si valorizzano fattori determinanti per aumentare la produttività, valorizzare il capitale umano ed incidere positivamente sui livelli di occupabilità”.
Antonella Candiotto è attualmente anche Vicepresidente di Unindustria Treviso con delega alle Relazioni sindacali e Presidente del Gruppo Metalmeccanico, il più numeroso dell’Associazione trevigiana con oltre 700 imprese socie. È General Manager di Galdi S.r.l. di Paese, impresa che da oltre trent’anni produce macchine per riempire e confezionare prodotti lattiero caseari e succhi di frutta, in partnership con importanti operatori multinazionali come Tetra Pak.