Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Questo andazzo deve finire, le comunitą esigono rispetto"

ZAIA: "GESTIONE PERICOLOSA DELL'IMMIGRAZIONE"

Il governatore sul caso-Cison: "Sostegno ai sindaci"


VENEZIA - “Le ultime notizie parlano chiaro: Treviso è un paradigma dell’improvvisazione confusionaria, e per questo pericolosa, con cui si continua a gestire l’immigrazione”. Lo dichiara il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, commentando gli ultimi sviluppi dell’invio di immigrati nella Marca trevigiana. “Novanta immigrati spediti in un paesino di 2.700 abitanti a forte vocazione turistica come Cison di Valmarino, naturalmente alla faccia dei Sindaci della vallata, tutti contrari, ai quali va il mio sostegno – segnala Zaia - a Oderzo una caserma che si vuol far diventare l’ennesimo ghetto e altri ottanta arrivi, a Treviso solo gli sforzi coronati da successo della Magistratura e della Polizia impediscono a uno scafista, un mercante di carne che bisognerebbe rinchiudere buttando via le chiavi, di farla franca e di mettere a frutto l’immeritato status della protezione sussidiaria ottenuto in precedenza tagliando la corda”. “Basta – incalza Zaia – questo andazzo deve finire. Le comunità locali e i loro amministratori esigono e meritano ben altro rispetto, anche da chi ritiene di poter trarre vantaggi economici intervenendo su questo strano ‘mercato turistico’ dell’affitto a 35 euro al giorno innescato da una non organizzazione alla quale tutto interessa meno che il rispetto della gente e dei Comuni.”.