Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Resana, aggredito da due banditi Mario Simionato, 55 anni

LEGATO E RAPINATO, BLITZ IN UNA AZIENDA AGRICOLA

Terrore in via Boschi a Castelminio, bottino di 2500 euro


RESANA - Aggredito da due banditi, rapinato dell'incasso sotto la minaccia di un bastone di legno e legato mani e piedi con fascette da elettricista. Una serata di terrore quella vissuta ieri sera da un imprenditore agicolo di Castelminio di Resana, Mario Simionato. L'uomo, 55 anni circa, è stato sorpreso poco dopo le 19.20 dai banditi all'interno della sua attività di via Boschi a Castelminio. I malviventi sono riusciti a mettere le mani su una somma di circa 2500 euro in contanti, l'incasso giornaliero dell'azienda di Simionato. L'uomo è riuscito a dare l'allarme ai carabinieri quando i rapinatori erano ormai già lontani: sono fuggiti a bordo di un'auto ed hanno fatto rapidamente perdere le proprie tracce. Sull'episodio indagano ora i carabinieri di Castelfranco.